sabato, maggio 22, 2010

Con Villa vai sul sicuro.

Presentato ufficialmente il primo colpo per la prossima stagione di Liga, peraltro ampiamente nell’aria. David Villa al Barcelona per 40 milioni di euro.

Dopo la scommessa persa con Ibrahimovic, il Barça ha deciso di puntare sul valore più affidabile che il mercato potesse offrire. David Villa ha 28 anni, secondo chi scrive è il miglior attaccante spagnolo, si trova nel pieno della propria maturità ma non ha vinto ancora nessun grande trofeo (questo è importante), assicura gol, tantissimi gol e una piena funzionalità tattica all’interno del modello di gioco blaugrana. Un innesto perfettamente razionale, insomma.
Villa è uno che a differenza di Ibrahimovic o Messi sente come prima esigenza il gol, ma non è un parassita, bensì un giocatore che sa crearsi da solo le occasioni e che ama dialogare coi compagni palla a terra, svariare e non offrire alcun punto di riferimento. Un giocatore che si trova a suo agio anche nello stretto, requisito imprescindibile per giocare al Camp Nou.
Particolarmente gustosa in chiave-Barça è poi la sua completa adattabilità a tutte le zone del tridente: proseguendo nel paragone con Ibrahimovic, il Guaje non è un giocatore utilizzabile solamente al centro. Può benissimo partire anche dalla fascia (dalla sinistra comunque, a destra non avrebbe angolo di tiro), tenendo in conto che il tridente del Barça prevede tre attaccanti veri che hanno ampia libertà di cercare la conclusione e non due larghi che crossano e un poveretto al centro che aspetta; questo renderà il turnover estremamente agile per Guardiola, non chiudendo particolari spazi alla crescita di Bojan (che vanta una polivalenza uguale a quella di Villa, oltre a caratteristiche simili) e in fondo non escludendo nemmeno un possibile rilancio di Ibrahimovic.

Infatti l’acquisto di Villa si può interpretare sia come una reazione al fallimento di Zlatan sia come una mossa complementare all’eventuale permanenza dello svedese. Nel ragionamento la chiave è Henry: nei piani iniziali per la stagione appena conclusa, era il francese infatti che doveva mantenere lo sfogo in profondità tagliando da sinistra e garantendo così un’occupazione razionale degli spazi anche con la presenza di Ibra, un giocatore che ingombra parecchio la trequarti con la sua tendenza a venire incontro al pallone.
Henry lascerà Barcellona, lo sappiamo, ma lo sostituirà un giocatore ugualmente (anzi, ancora di più) propenso ad attaccare gli spazi in profondità. Sia che parta al centro, sul filo del fuorigioco, sia che parta invece da sinistra, con la diagonale. In questo secondo caso, aumenterebbe lo “spazio vitale” a disposizione di Ibrahimovic, e un ipotetico tridente Messi-Ibrahimovic-Villa risulterebbe ben bilanciato. Sulla carta, l’acquisto di Villa migliora anche Ibrahimovic insomma. Questo senza dimenticare che la situazione dello svedese rimane del tutto incerta: un’offerta sostanziosa dall’estero suggerirebbe di liberarsene, ma l’ingaggio del Guaje permette già di gestire con molta più calma questa situazione, con le spalle coperte al meglio.

Ultima considerazione, quasi ovvia, riguarda l’ulteriore mazzata che questa operazione di mercato infligge all’”equilibrio” interno alla Liga: il fatto che la stella della principale outsider (la quale nel frattempo preannuncia una vera e propria economia di guerra che potrebbe portare al sacrificio anche di Silva) vada a rinforzare la squadra fresca campione parla da solo.

FOTO: elmundodeportivo.es

Etichette: , ,

37 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Grande acquisto e bella maglietta (tranne che per quella pezza centrale...le ostentazioni di forza lasciamole alle Merengues, meno roba sulla magliette e meglio è), Villa me lo aspettavo lo scorso anno, invece poi è arrivato lo svedese...
Io spero in un tridente con villa al centro e Pedro o Bojan laterali, più di uno con Ibra. Anche perché come si è visto dal dopo Inter il Barça ha bisogno di tanto ma tanto movimento da parte dei tre davanti e possibilmente scambio di posizioni durante la partita, Ibra invece ne faceva movimento ne poteva essere spostato dal centro e di cross per la punta pesante non è che ne arrivino poi tanti come si crede...

Villa porta tanti gol. E questo è sempre un bene, porta poi una duttilità tattica che in teoria si incastra alla perfezione nel contesto Barça. Concordo sul fatto che sia l'attaccante spagnolo più forte e aggiungo da almeno tre, quattro anni.

Altra cosa da non sottovalutare è l'età, prendere un ventitreenne avrebbe voluto dire tarpare le ali a Bojan e questo non si deve fare.

Mi aspetto almeno un terzino da questo mercato, che sia destro o sinistro non cambia perché c'è bisogno o di una riserva di Dani Alves (io suggerirei Srna dello Shakhtar) o se si vuole spendere un'alternativa a Maxwell (si sa più niente di Filipe?), dato che per me l'esperienza di Abidal può giungere al termine vista l'età e i continui infortuni.

Sul discorso equilibrio nella Liga io mi metterei l'anima in pace, per almeno i prossimi due anni nessuna squadra ha l'organico per avvicinarsi a meno di dieci punti dalle prime due. Figuriamoci poi se il Valencia dovesse cedere veramente Silva al Madrid e Agüero dovesse andare al Chelsea...

DVM

5:42 PM  
Blogger Taymour Zein said...

Contentissimo per l'acquisto di VillaMaravilla, che come sai è un mio pallino dalla stagione scorsa. Riguardo a Ibra ti posso dire che se arrivasse l'offertone da 40 milioni lo venderei. Con due prime punte (anche se Villa può giocare anche esterno) della qualità di Bojan e Villa, con anche Messi che può ricoprire quel ruolo, Ibra mi sembra cedibile se arrivasse l'offerta giusta. Tornando a Villa,la sua età (28 anni) non mi sembra un problema, anche se il ruolo che occupa richiede un grosso dispendio di energie. Oltretutto non ci saranno problemi di intesa con i compagni,visto che gioca sempre con Xavi, Iniesta e Busquets in Nazionale, seppure con uno schema diverso. Poi, con Messi non ci saranno problemi, dato che Villa ha un profilo molto simile a quello di Eto'o, e ricordiamo benissimo le meraviglie che combinavano insieme il camerunense e l'argentino.
Alcune domande, in attesa delle pagelle dei giocatori del Barça: sembra che Tourè andrà via, visto l'arrivo di Fabregas, che sembra quasi certo, nonostante le complicazioni nelle trattative. Come vedi quindi un Barcellona senza Tourè e con Fabregas (sempre che arrivi)?
Ciao.
Taymour

7:17 PM  
Blogger Antonio Giusto said...

L'idea di un Villa che taglia da sinistra è intrigante, oltre che di sicura messa in pratica.
Per come la vedo io, però, quest'acquisto sa di completa bocciatura per Ibrahimovic: Villa è, dopo Eto'o, il giocatore che dà più profondità al mondo. Un suo approdo sulla sponda blaugrana di Barcellona per me significa soprattutto un ritorno sui suoi passi da parte di Guardiola: pentitosi della cessione di Eto'o, ha preferito assicurarsi un suo emulo per tornare a proporre il gioco visto nel 2008-09, con buona pace di Ibra.

7:27 PM  
Blogger Hellas said...

L’operazione Villa mi convince a metà. Il valore tecnico dell’asturiano non si discute, ma 40 milioni per un giocatore che va per i 29 anni sono una follia.
I soldi di villa io li avrei spesi per un esterno d’attacco di primo livello (a me piace Di Maria), ruolo poco coperto nella rosa del Barca, e come alternativa veloce ad Ibrahimovic avrei puntato su Bojan, ormai lì lì a fare il salto di qualità. Con Villa temo che Krkic torni ai suoi 10 minuti a partita, quando va bene…
A proposito, sento parlare di una possibile cessione di Ibrahimovic. A mio avviso sarebbe un errore, lo svedese merita una seconda possibilità. Il fuoriclasse ammirato nell’inter e lo spilungone dalle gambe di marmo visto a Barcellona non possono essere la stesso giocatore. e questo al di là di tutte le problematiche tattiche.
Va detto che Ibra lo scorso anno ha saltato l’intera preparazione estiva, per un giocatore della sua stazza un handicap non da poco. La stagione deludente, con il netto calo finale, in parte penso si spieghi così.

Per chiudere due considerazioni veloci.
Tourè non va ceduto, assolutamente. Non capisco l’ostracismo di guardiola verso l’ivoriano, Tourè vale due volte un Keita o un Busquets. Temo verrà molto rimpianto.
Stai seguendo l’europeo under 17? Mica male il trio d’attacco Gerard Deulofeu - Paco Alcácer - Jesé Rodríguez…

9:30 PM  
Blogger Francesco said...

Villa é l'acquisto perfetto, quello che é mancato al Barca questa stagione. Se Guardiola riuscisse veramente ad integrarlo con Ibrahimovic in un sistema di gioco che funzioni, prepariamoci ad un altro triplete. Il dubbio sta tutto lì. Una squadra con Villa Messi Ibrahimovic a pieno regime in attacco e dietro Xavi e Iniesta sarebbe praticamente imbattibile.

ps: Valencia: approvo cessione di Villa (40 ml per un attaccante di 29 anni sono un prezzo non dico "escandalosamente escandaloso" ma quasi), ma Silva non deve essere ceduto mai e poi mai.

3:01 PM  
Anonymous Anonimo said...

non sono per nulla d'accordo. 40 o addirittura 50 milioni per un attaccante di 29 anni, quant'anche il miglior attaccante spagnolo (o il secondo: per me molto più completo Torres) sono una stupidaggine. ancora di più se pensiamo che Villa non è nè un 9, nè un ala sinistra e che anzi ha sempre dimostrato scarsa propensione e voglia a giocare in fascia.
ha detto bene chi lo ha paragonato a Bojan. entrambi sono due seconde punte che nel 433 non hanno un vero ruolo(a questi due si aggiungono pure Messi e Ibra pure loro seconde punte, nel dubbio tra prendere un ala o un centravanti per sostituire Henry si è pensato a fare una via di mezzo, che è la scelta peggiore). poi una cosa è giocare nel Valencia , altra col Barca. le squadre che affrontano il Barca si chiudono a riccio a differenza di quanto fanno contro il Valencia. per carità farà tanti gol ma il Barca difficilmente riuscirà a competere col Real Madrid, che già quest'anno , nel girone di ritorno ha dato, scontro diretto a parte, impressione di essere superiore.
l'unica sarebbe Messi dietro Villa e Ibra. ipotesi interessante dato che tra i tre infondo nessuno è un vero centravanti. certo si poteva pensare prima di vendere Maxi Lopez.
non sono d'accordo con chi paragona Villa con Eto'o. Rooney si può paragonare a Eto'o, non Villa.
sostituire Henry con Villa significa indebolire ulteriorimente l'attacco sul piano del fisico e dei centimetri (dove Ibrahimovic rimarrebbe l'unico a superare il metro e ottanta), che senso ha prendere un clone più vecchio di Bojan?
non mi stupirebbe che alla fine alle vaccate di mercato come sempre supplirà la cantera. che sia Rochina il terzo che gode tra i due litiganti Ibra e Villa?

capitolo Fabregas. io non farei follie per lui, ma se si deve prendere , che sia l'occasione per sbarazzarsi di Xavi. e anche di Keita. follia pura invece sarebbe privarsi di Tourè che ha dato al Barca quell'equilibrio a centrocampo che mancava.

spero almeno che si faccia valere l'opzione per David Luiz e che ci si sbarazzi dell'ucraino, un capriccio idiota di Guardiola.
e poi prenderei un centrocampista dinamico e bravo negli inserimenti: uno tipo Afellay.

KUBALA

1:34 AM  
Blogger valentino tola said...

@ DVM
L'acquisto di un terzino destro è quasi sicuro, però più che Srna o simili, cioè più che un concorrente di Alves, il Barça sembra cercare un rincalzo di garanzia ma senza troppe pretese.
Già l'estate scorsa si fece il nome di Bruno (ora al Valencia), che sarebbe stato un ottimo acquisto, mentre ora ho letto il nome di David Cortés del Getafe: sinceramente non mi entusiasma, a quel punto meglio restare con Puyol primo cambio per la fascia destra e magari con qualcuno dalla canera (Montoya e Dalmau sono entrambi interessanti).

Sulla fascia sinistra invece non interverrei. Filipe è sfumato l'estate scorsa: era l'opzione favorita prima che si prendesse Maxwell, ma ora non credo interessi più.

@ Taymour Zein
Per me sarebbe un errore vendere Touré. Non credo debba essere titolare fisso, proprio per niente, però è una pedina importante.
In caso di arrivo di Cesc, il Barça credo potrebbe giocare un 80% delle partite di Liga con un centrocampo Xavi-Cesc-Iniesta senza soffrire difensivamente, però in alcune partite in cui incontri un avversario capace di rilanciare il gioco e superare il primo pressing del Barça, le gambone di Yaya (che pure tatticamente non mi entusiasma affatto in quella posizione) possono risolvere parecchi problemi e mettere una pezza quelle volte in cui il Barça si fa trovare scoperto.

@ Antonio
In realtà Villa non lo vedo simile ad Eto'o (e credo che ci siano altri giocatori che danno ancora più profondità, penso a Rooney, Torres o Milito), però può risultare prezioso come il camerunese.

è chiaro che quest'operazione sembra preparare la cessione di Ibrahimovic. Però il fatto che Villa possa fungere sia da sostituto di Ibra che da suo partner dà molta più tranquillità al Barça in vista dei prossimi mesi di mercato.

2:08 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Hellas
I prezzi sono quelli. Se vuoi prendere uno dei migliori attaccanti del mondo, purtroppo non puoi pagare cifre inferiori.

Di Maria è un giocatore che adoro, però per come attacca il Barça non cerca esterni puri, quanto piuttosto attaccanti che partono dalla fascia sì ma cercano costantemente il taglio per andare a concludere, accompagnati dal terzino che è quello che di fatto funge da ala. Per questo per il Barça si era ad esempio fatto in passato il nome di Mata e non quello di Di Maria (che pure per me è decisamente superiore al giocatore del Valencia).

Anche a me stuzzica la possibilità di un rilancio di Ibrahimovic. Ma, detto questo, penso che Bojan troverà comunque molti più minuti l'anno prossimo, Villa o non Villa, Ibra o non Ibra.

Onestamente non si può parlare di ostracismo di Guardiola verso Tourè. I suoi minuti li ha giocati, altrochè. Che poi non lo consideri imprescindibile come Messi, Piqué, Xavi o Iniesta non mi sembra uno scandalo.
Per quanto riguarda i paragoni con Keita e Busquets, sono poco propenso a confronti fra giocatori che comunque hanno caratteristiche diverse e che in ogni caso queste loro caratteristiche le fanno valere all'interno di un contesto ben preciso. Ad esempio io penso che Busquets fuori dal Barça sarebbe un giocatore normale, ma nel contesto del Barça è utilissimo, per certi aspetti più di Touré. In senso assoluto considero Touré un giocatore migliore, ma parlare fuori dal contesto serve a poco.
Io credo che Touré sappia fare alcune cose meglio di Busquets e Keita, che Busquets ne sappia fare altre meglio di Touré e Keita, e che Keita ne sappia fare altre ancora meglio di Busquets e Touré (peraltro Keita gioca in un ruolo quasi sempre diverso da Yaya e Busi). Perciò mi sembra molto ragionevole l'utilizzo che in questi due anni ne ha fatto Guardiola, dando spazio ai tre senza gerarchie troppo rigide.
Poi comunque ritengo Keita un centrocampista fantastico. Quando riesci a cogliere e ad apprezzare appieno tutta l'intelligenza che mette in mostra quando si muove sul rettangolo verde (moooolto superiore a quella di Touré), soprattutto quando non ha il pallone, beh... allora sei tu spettatore che quasi ti senti orgoglioso per lui :-)

Sto seguendo un po' la Spagna Under 17, spero di scrivere qualcosa ;-)

@ Francesco
Imbattibili non ne esistono, ma molto molto forte sì. E son d'accordo, sarebbe ancora più forte un Barça con un Ibrahimovic riguadagnato alla causa.

Certo, se il Valencia aveva bisogno di soldi, era Villa quello che doveva cedere. Ma se dovessero perdere anche Silva, quasi quasi darei forfait dalla prossima Champions... I tempi sono quelli che sono...

2:09 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Kubala
La cifra è sicuramente esagerata, però il mercato attuale è questo, c'è poco da fare secondo me.

Sono d'accordo sia sulla similitudine con Bojan, che sulla non similitudine con Eto'o, però non sono d'accordo sulla parte successiva del ragionamento.
Villa e Bojan sono simili. Nessuno dei due è un 9 o un'ala. Questo vuol dire che non possono funzionare insieme? Assolutamente no.
Per me è tutta una questione di spazio e di tempo. Di capacità di creare spazi, sfruttarli e gestire il pallone coi tempi giusti.
Non è che uno deve essere per forza un 9, l'altro un 11, uno alto, l'altro basso.
Per me anche essendo simili Villa e Bojan non si pesterebbero i piedi, perchè sanno muoversi su tutto il fornte, in profondità e anche in appoggio (poi secondo me Bojan sarebbe anche un 9, ha movimenti eccellenti nell'appoggiare e smarcarsi, paga solo un po' il fisico). Dividendosi gli spazi senza problemi: Bojan poi è un giocatore tatticamente intelligentissimo. Può giocare con chiunque, senza distinzioni.

Quanti centimetri e gioco aereo c'era nel tridente Messi-Eto'o-Ronaldinho all'epoca di Rijkaard? Poi vabbè, se hai qualche volta l'alternativa del gioco aereo meglio ancora, ma non è questione di vita e di morte.
Gli spazi sono la cosa fondamentale. E Villa ha dimostrato abbondantemente di saperli creare e sfruttare col movimento e di saper giocare nello stretto, anche in nazionale oltre che nelle (numerose) partite in cui gli avversari vanno a difendersi al Mestalla.

Per me Fabregas non è strettamente necessario, però se c'è l'occasione di prenderlo, non biasimerei il Barça.
Sul fatto che poi sarebbe un'occasione per sbarazzarsi di Xavi e Keita (oltre al rimpianto per Maxi Lopez), non ti seguo proprio.

Io ho un'ottima opinione di Touré, e lo terrei, ma non esiste nè mai esisterà nel calcio un giocatore che ti dà equilibrio con la sua sola presenza.
Il Barça ha avuto in questi due anni un grande equilibrio difensivo pur giocando ultra-offensivo. Quest'equilibrio è sempre un fatto collettivo, e dipende da molte più cose che dalla capacità di un giocatore di rubare palla o stare al posto giusto.
Dipende anche da dove recupera il pallone il tuo avversario e da come è posizionato quando lo recupera. Da come hai già condizionato la sua transizione offensiva non appena perdi palla. Dipende perciò anche da come gestisci il pallone. Quindi un attaccante che ti spinge dietro la linea difensiva avversaria di un po' di metri può risultare una conquista anche difensiva. Villa può essere importante per l'equilibrio difensivo così come lo era Henry, come lo è Messi e come lo sono anche Xavi e Piqué nella gestione iniziale del pallone.
Certo, se poi non riesci a spingere dietro il baricentro avversario, se l'avversario ti ruba palla subito e può attaccare nella tua metacampo, allora sarà molto meglio che ti munisca di un Touré piuttosto che di un Xavi.
Ma il problema dell'equilibrio, soprattutto nel contesto del Barça, nasce molto prima a mio avviso. Non si può separare nettamente fra fase offensiva e difensiva.

A me Chigrinskiy non dispiaceva, anche se cono consapevole che ormai è quasi del tutto bruciato (e condivido, è stato un capriccio: non so se idiota, ma un capriccio sicuramente)... ma insomma, David Luiz sarebbe un altro pianeta, Madre de Dios!
Epperò ci sarebbe un tal Muniesa a cui per me un corridoietto bisognerebbe cominciare a prepararlo...

2:09 PM  
Blogger valentino tola said...

"se ci fosse l'occasione di prenderlo, non biasimerei il Barça"

2:15 PM  
Anonymous madrid7 said...

Personalmente reputo Villa un giocatore estremamente egoista, che inoltre è abituato a giocare in una squadra che si muove in sua funzione. Vedremo se e come saprà adattarsi agli schemi di Guardiola.

5:10 PM  
Anonymous Anonimo said...

Valentino sono d'accordo sulla questione terzini. se un laterale destro andava preso, andava preso l'anno scorso. soprattutto se dovesse arrivare David Luiz che pure può fare bene in quel ruolo. facendo entrare poco a poco Dalmau. dall'altra parte invece c'è traffico. Oltre a Abidal alternativa difensiva e Maxwell più offensivo ci sarebbero Muniesa come simil-abidal e perchè no, è un mio pallino , Jeffren come laterale sinistro. a proposito. francamente non credo che da Jeffren e Pedro a Mata e Di Maria ci sia poi tutto sto grande salto di qualità. io eviterei di spendere soldini li anche perchè i ruoli offensivi mi sembra che siano quasi al completo.

certo fino a quando c'è pure Milito il posto come centrale sinistro Muniesa difficilmente lo avrà.

non sono d'accordo su Bojan 9, sono d'accordo sul fatto che Bojan e Villa possono giocare insieme, ma non è questo il punto. avrei cercato un giocatore che potesse dare al Barca quello che gli manca, non "mas de lo mismo".

sui centimetri. Ronaldinho Eto'o, Messi non hanno nulla da invidiare in questo a Milito Eto'o Snejider. eppure pure l'altra sera il gioco di testa è stato determinante. una cosa è avere un giocatore piccolo e due medi. una cosa averne tre piccoli. c'è una bella differenza.

o dobbiamo continuare a vedere busquets e piquè centravanti di emergenza negli assalti finali?

anche perchè poi ci devi mettere pure xavi, iniesta e forse fabregas. mas de lo mismo quando invece bisognerebbe variare un poco. ben venga per esempio javi martinez, sperando che rimanga toure. su xavi e keita il discorso era anche anagrafico , ovviamente.

non sono poi molto d'accordo con i prezzi. 40 milioni per un 29enne sono una sciocchezza, quando con la metà potevi prendere, per rimanere agli spagnoli Fernando Llorente, che di certo sarebbe stato più utile, a mio avviso.

su Maxi Lopez non mi segui. forse dovresti dare pure uno sguardo agli altri campionati ogni tanto...

KUBALA

5:40 PM  
Blogger valentino tola said...

@ madrid7
Qualche momento di egoismo, sì, ma non mi sembra un giocatore completamente egoista. Nè la nazionale spagnola è strutturata tutta attorno a lui. Eppure là si trova bene lo stesso.

@ Kubala
Se le giornate durassero più di 24 ore, se non dovessi seguire molto a fondo la Liga per evitare il più possibile di dire castronerie (che pure, rileggendomi a distanza di tempo, rimangono eccome) sul tema, se non mi rubassero un po' di ore anche gli articoli di approfondimento che con gran gioia preparo per il blog, se non mi venissero due occhi così a vedere più di due partite di fila, e se non avessi anche altri interessi oltre al calcio, allora mi piacerebbe eccome seguire di più anche gli altri campionati.
Comunque Maxi Lopez l'ho visto nel River, nel Barça, nel Mallorca, in un paio di partite russe e anche qui a Cagliari col Catania, dal vivo. Ebbene, non mi piace. NON-MI-PIA-CE. è un crimine per caso?

6:02 PM  
Anonymous Anonimo said...

scusa volevo firmarmi KUBALA. giro troppi blog. RDV/KUBALA

8:39 PM  
Anonymous Anonimo said...

ok ok. ognuno ha i suoi gusti. io non posso vedere xavi per esempio.

RDV

8:39 PM  
Anonymous Anonimo said...

sono d'accordo con Vale: Maxi Lopez esclusi gli ultimi quattro mesi qui in Italia mi sembra abbia fallito ovunque; non credo sia all'altezza del Barca (soprattutto viste le possibilità economiche dei blaugrana)

markovic

11:24 PM  
Blogger Vojvoda said...

La questione sollevata in merito a Maxi Lopez è talmente di basso contenuto logico che le numerose stagioni dell'argentino a far disperare i tifosi di (rispettivamente), BARCELLONA, MALLORCA, FK MOSCA e GREMIO sarebbero sotto gli occhi di tutti e basterebbe dare uno sguardo a quei campionati per evincerlo limpidamente.
In uno stivale calzato oramai da tutti i piedi meno nobili dei 5 continenti anche il "biondo" fa furore come il nomade di Malmoe che fino allo scorso anno sembrava nella spiaggia di Copacabana contorniato da fondoschiena da urlo e bibite gelate tanto si divertiva a fare ammattire tutti con i suoi ghiribizzi sino a diventare il tranello del mercato 2009-2010 per Zio Pep che ci è cascato come una pera cotta come a Madrid hanno fatto con il "Kakà Meraviglià".
Gli unici due speroni d'oro dello stivale staccatisi facilmente al primo contatto col "Toro spagnolo"... e qui sento aleggiare il nome e l'odore del lider Maxi(mo)!
Un vecchio stivale che rigenera persino Gioacchino Larrivey potrebbe accogliere, rinverdire, centrifugare, risciacquare fino a rendere nuovi di zecca e rivendibili a peso d'oro persino i più scalcinati pedatori dei pianeti del Dio perduto...

1:04 AM  
Blogger valentino tola said...

"Un vecchio stivale che rigenera persino Gioacchino Larrivey"

Beh, adesso non esageriamo! :D

9:47 AM  
Anonymous Anonimo said...

Sicuramente la Serie A è in declino rispetto agli anni d'oro, ma io non la vedo così tragica..
(cosa dovremmo dire della Liga dei 195 punti totali delle 2 grandi?..)...

semplicemente Maxi Lopez dopo anni disastrosi ( un mio amico di Porto Alegre piangeva di gioia il giorno del passaggio al Catania...)ha beccato 6 mesi d'oro, gli sono riusciti un paio di eurogoal in acrobazia in maniera fortuita, altri goal li ha fatti nelle ultime giornate in partite perlomeno "strane" ( Bologna - Catania 1-1 con tutto lo stadio che ha fischiato per l'intero secondo tempo per il pareggio scritto..) e in generale si è ambientato bene in una squadra che nel girone di ritorno ha fatto un grande campionato con Mascara -Martinez e Llama sugli scudi...

da qui a pensare a un ritorno al Barca....

Santeria

10:26 AM  
Anonymous Anonimo said...

veramente rimango a volte esterefatto per le cazzate che leggo. Maxi Lopez ha fallito solo al Mallorca, mentre a Mosca, a Porto Alegre ha fatto benissimo (forse il suo amico era dell'Inter) tenendo sempre medie di 0,4- 0,5 gol a partita, molto alte per un giocatore con le sue caratteristiche, come fece bene nel River e per quel poco che ha giocato pure nel Barca, quindi le prove di Catania non sono 4 mesi estemporanei di stato di grazia ma il seguito di prestazioni ad alto livello.

sento poi dei commenti sul campionato italiano , come sempre con una reattività da bradripo. la serie A ha toccato il fondo 3-4 anni fa, ora è in netta ripresa. al contrario la Liga sta calando e il gap tra le due grandi e le altri diventa sempre più imbarazzante il Valencia poi in particolare è un caso che dovrebbe far riflettere quando si straparla di stadi moderni e di proprietà come la panacea di tutti i mali del calcio italiano: per il Valencia (ma anche per Arsenal, Ajax etc...) l'arrivo del nuovo stadio ha coinciso con il declino finanziario e tecnico.

sui giocatori che cambiando campionato non mantengono il rendimento vale in un senso e nell'altro. per esempio a Roma il Baptista di Siviglia ancora lo stanno aspettando, come all'Inter non si è visto l'Eto'o di Barcellona, etc...

smettiamola con queste sciocchezze campanilistiche. il rendimento di un giocatore dipende da un miliardo di fattori e spesso il campionato è uno degli ultimi e più insignificanti.

oltretutto non mi sembra che la stagione di Ibra e Kaka a livello individuale sia neanche lontanamente paragonabile. Ibrahimovic tutto sommato ha fatto una buona stagione, kaka sicuramente no.

KUBALA

5:20 PM  
Blogger valentino tola said...

Io invece a volte rimango esterrefatto per lo scarso rispetto che hai verso le opinioni altrui.
Uno osa non apprezzare uno dei tuoi idoli e allora sicuramente è perchè non lo ha visto giocare, altri ancora non sono d'accordo con la tua opinione, e allora dicono "cazzate".

Qui puoi sostenere tutto quello che vuoi, puoi argomentare finchè vuoi, fornisci anche degli apporti interessanti al blog, a volte siamo d'accordo altre volte no con quello che scrivi, è bello discutere, ma non ti devi permettere di bollare come cazzate quello scrivono gli altri. Non in questo blog.

5:36 PM  
Anonymous Anonimo said...

"a questione sollevata in merito a Maxi Lopez è talmente di basso contenuto logico che le numerose stagioni dell'argentino a far disperare i tifosi di (rispettivamente), BARCELLONA, MALLORCA, FK MOSCA e GREMIO sarebbero sotto gli occhi di tutti e basterebbe dare uno sguardo a quei campionati per evincerlo limpidamente. "

questo invece è un commento rispettoso delle opionion altrui secondo te?

uno può apprezzare o non apprezzare, ma non può inventarsi panzane come "fallimenti" inesistenti. panzane o cazzate, come preferisci.

una cosa sono i gusti, una cosa sono negare i FATTI.

se poi dico che forse non si è visto bene un giocatore è , sottinteso, perché suppongo che di calcio più o meno ne capitate tutti. o no?

KUBALA

8:15 PM  
Blogger valentino tola said...

Quello che dovevo dire l'ho detto. Non ho nulla da aggiungere, ognuno si regoli come gli pare.
Queste discussioni mi annoiano mortalmente.

8:34 PM  
Anonymous Anonimo said...

sì vabbè Kubala, facciamo così: Maxi Lopez è un campione e tutti i tecnici e gli operatori di mercato del mondo (che non lo apprezzano) sono dei rincoglioniti;
ok? va bene tutto, però stai calmo

markovic

9:03 PM  
Anonymous Anonimo said...

a me sembra che diversi operatori di mercato si siano interessati e alcuni abbiano anche acquistato il giocatore. Il Barcellona per esempio. ma forse saranno degli idioti a prendere un giocatore così scarso. anche a me certi discorsi annoiano. quelli superficiali e stupidi. il giocatore può piacere o meno, ma che sia un giocatore di valore è diffilmente discutibile.

KUBALA

12:53 AM  
Anonymous Anonimo said...

Cambiando discorso e nello stesso momento appoggiare una teoria di Kubala, con cui ho avuto più di una discussione in passato, mi sento di dire che la questione degli stadi è semplicemente scandalosa.
Cioè, in Italia ci sono società che presentono progetti di stadi , senza averli minimamente studiati, con la scusa dell' "unica salvezza dei bilanci" quando in Europa molti di questi progetti sono falliti.
Stanno cavalcando l'onda mediatica solo per guadagnare altri soldi su noi tifosi e cittadini....

Santeria

2:50 AM  
Blogger Flavio said...

Sono solidale con Valentino. Quando si discute è ovvio che possano esserci punti di vista differenti ma ciò non da assolutamente il diritto di denigrare o bollare con certe parole le opinioni altrui. Io ad es., pur apprezzando Villa, avrei preferito di gran lunga che il Barça prendesse Torres, più giovane, più forte fisicamente e secondo me tecnicamente superiore a Villa; inoltre Torres pur essendo un centravanti, assicura oltre ai gol e alla profondità, anche quell'occupazione degli spazi di cui giustamente Valentino sottolinea l'importanza,ed anche quella "potenziale" duttilità tattica che può consentirgli in alcune circostanze di partire largo per consentire a Messi di giocare come falso centravanti, come fu per Eto'o. Insomma, la coppia Torres-Messi l'avrei vista davvero devastante, molto più di quella (comunque ottima) Villa-Messi. Su Tourè sfondate una porta aperta, io sono un grande estimatore di Yaya e credo che il Barça faccia bene a tenerselo stretto. Su Fabregas è ovvio che si tratta di un grandissimo rinforzo a centrocampo, sia in prospettiva futura ma soprattutto per la sua duttilità: Cesc può giocare ovunque a centrocampo, ma secondo me può essere schierato perfino nel tridente d'attacco. Su Ibra: se rimane ed accetta la panca, bene; altrimenti il Barça farebbe bene a prendere un centravanti di peso per completare l'attacco con Villa, Messi, Bojan e Pedro: io farei uno sforzo per prendere Llorente dell'Athletic che mi sembra tra i pochi centravanti di peso ad avere le caratteristiche per essere un giocatore da Barça. Rinnovando la mia stima per Vale e l'invito ad abbassare i toni, avendo sempre il giusto rispetto per tutte le opinioni che si esprimono su di un blog come questo, vi saluto,
Flavio

12:34 PM  
Anonymous Anonimo said...

A mio parere Ibra andrebbe ceduto, anche se la soluzione migliore in assoluto sarebbe il prestito. Conoscendolo, non accetterebbe mai la panchina e finirebbe col giocare male anche le poche volte che Guardiola lo manda in campo. Meglio invece sarebbe puntare ad un rilancio in un'altra squadra, sperando che il giocatore si riprenda soprattutto mentalmente, per poi cederlo a titolo definitivo l'estate prossima. Un giocatore pagato 70 milioni in panchina è un controsenso che neanche il Real Madrid potrebbe permettersi...
Tommaso.

1:36 PM  
Blogger valentino tola said...

Grazie Flavio per il tuo consueto equilibrio, oltre che per i contributi sempre interessanti.

Su Torres voglio chiarire che è un grandissimo attaccante, a scanso di equivoci. E rispetto a Villa ha sicuramente un allungo molto più incisivo, e movimenti e tagli senza palla più profondi. La tecnica è l'unica cosa su cui non sono d'accordo. A me piace di più Villa in questo, non solo come precisione nel controllo ma anche nella tecnica di tiro. Io vedo bene, benissimo, nel contesto offensivo del Barça la capacità che ha Villa di vedere la porta e caricare il tiro in una frazione di tempo infinitesimale e in spazi risibili.

Llorente mi fa impazzire: è un giocatore che aggiungerebbe alternative (gioco aereo) senza al tempo stesso tradire il modello, anzi calzando a pennello. Vendere bene Ibra e comprare lui risparmiandoci sarebbe un colpo per il Barça, indubbiamente. Però prima andava acquistata la profondità, e cioè Villa, il resto si vedrà.

1:41 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Tommaso
Il discorso che fai ha basi decisamente realistiche, e avrà il suo peso.

1:44 PM  
Anonymous Anonimo said...

su Villa-Torres. per età e caratteristiche molto meglio Torres per il Barca.
ripeto il suo Villa il Barca lo aveva già in Bojan, mentre Ibra è attualmente l'unico giocatore con certe caratteristiche. entrambi però sia Villa, che Ibra sono più seconde punte e cmq in un certo senso simili nell'essere più giocatori da controllo, magari, dribbling e tiro che invece un attaccante puro, quello che mette la zampata o il colpo ti testa o la sforbiciata, quello che è bravo a giocare (anche) a un tocco solo, a deviare la palla in porta ,a finalizzare tutto il gioco dei compagni a sfruttare anche i cross dalle fasce. il Barca riesce a liberare quasi sempre l'uomo per il cross ma segna pochissimo.
io spero tanto in Rosell. a meno di qualche cavillo burocratico che lo impedisca userei Villa come pedina di scambio per arrivare a Rooney o Torres. alrimenti... beh, al Real Madrid il titolo della liga del prossimo anno non lo toglie nessuno.

Llorente pure mi piace molto ma è più simile a Ibra in certe cose.

pensare di dare in prestito Ibra poi è follia pure,anche peggio di svenderlo. anche se non mi entusiasma Ibra, Messi e Villa possono cmq giocare insieme (fermo restando per me che il primo eventualmente a doversi sedere in panca sarebbe l'asturiano e che a questo punto, tra due giocatori con caratteristiche simili preferirei valorizzare Bojan) sia in un classico 433 dove Villa e Ibra possono scambiarsi la posizione di centrale e attaccante sinistro, sia in un 4312 con ibra attaccante sinistro e villa attaccante destro con Messi dietro, sia in un modulo con Ibra e Messi più centrali dietro a Villa.

"altrimenti il Barça farebbe bene a prendere un centravanti di peso per completare l'attacco con Villa, Messi, Bojan e Pedro: "

io rimango dell'idea che gli attaccanti di peso, sorpattutto in una squadra così leggera davanti, debbano essere almeno due. Villa appunto è di troppo(anche se si potrebbe sempre riciclarlo "alla Giuly", brutto errore di mercato. Spero che Rosell o chi per lui rimedi.


KUBALA

4:39 PM  
Blogger Hellas said...

Valentino, non credevo che le vicende di Maxi Lopez ti appassionassero così tanto! :)

Almeno un attaccante di peso in rosa serve, su questo concordo. Cedere Ibrahimovic e sostituirlo con Mata (20 milioni, e siamo sicuri sia più bravo di Pedro? io dico di no) sarebbe una “cagata pazzesca”.

Capitolo Cesc: boh, sono combattuto. Da un lato stiamo parlando di un campione di 23 anni, perfetto per il tipo di gioco del barca; 50 milioni li vale tutti. Da altro verso l’operazione va contestualizzata: Cesc se ne è andato a 16 anni gratis, ricomprarlo ora a queste cifre sarebbe un brutto segnale per i giovani canterani. Chissà cosa ne pensano Thiago Alcantara e Jonathan dos Santos, loro a 16 anni al progetto barca hanno creduto…
Sempre su Cesc. A quanto pare il prezzo da pagare per riaverlo è la cessione di Tourè; qui il rischio è di intraprendere la via del Real “Galactico”di alcuni anni fa, che per far posto a Beckham si privò di Mekelele. Se una maggior qualità nel palleggio, e gol (Cesc) significa una perdita di fisicità e di equilibrio (Tourè), beh io dico che il gioco non vale la candela. Anche perché nel ruolo di Cesc il barca può comunque contare su Iniesta e Xavi, più i due canterani in rampa di lancio; dietro Tourè ci sono Keita e Busquests, non propriamente la stessa cosa.

Chiudo brevemente con le elezioni presidenziali: il mio auspicio è che vinca Rossel. Tra tutti i candidati mi pare nettamente quello con le idee più chiare.

12:45 AM  
Anonymous Anonimo said...

Non mi esprimo su Maxi Lopez, dato che non l'ho visto giocare a Catania, sicuro quando era a Barcelona non era all'altezza della maglia, una normalissima punta come ce ne sono tante e molto più forti, dico, ma perché Riprendere Maxi Lopez se sei il Barça e ti puoi permettere come punte di riserva: Llorente, Suarez o Dzeko? Ma ne stiamo ancora parlando?

Llorente sarebbe un acquisto perfetto come punta di riserva o titolare in certe partite, mi piace molto ed è cresciuto veramente tanto negli ultimi due anni, tanto da strameritare la convocazione per il mondiale. E sinceramente per entrare a partita in corso è molto più utile di Ibra.

Sulle elezioni mi auguro non vinca Rosell. Rosell è in polemica con Laporta e pretende di entrare molto nelle decisioni tecniche, mettendo altre due persone sopra Guardiola come direttori tecnici. Io dico che rovinare il legame che c'è tra Pep e l'attuale dirigenza sarebbe un grave errore, già l'abbiamo visto in sede di mercato la scorsa estate, quando Txiki ha ripetuto che lui era l'unico addetto al mercato e Guardiola ha preteso allora Chygro ad un prezzo totalmente fuori mercato. Questa dirigenza ha fatto vincere sette (!!!) titoli in due anni, impostando una squadra che da due anni almeno è la più forte del mondo, io continuerei con questo progetto invece di affidarmi a chi la pensa diversamente e potrebbe portare alla rottura con Guardiola, se lo si ingabbia troppo nel ruolo di mero allenatore. Poi uno come Rosell che questiona la nomina a presidente onorario di Cruijff non merita nulla per me. Per quel che ha dato alla squadra Cruijff in passato (miglior e più famoso giocatore e poi allenatore della storia del Barça) e nella costruzione di quella attuale (ricordo che Laporta prese Guardiola dopo aver chiesto parere al grande olandese, mentore del Pep) merita la nomina di presidente onorario senza neanche parlarne. Rosell mi sembra una persona poco legata alla storia del Barça: arrivando come dirigente della Nike, dal Brasile e dopo le uscite infelici (quella di vendere Ronaldinho al Chelsea per intascare la percentuale) aver questionato la nomina di Cruijff credo dimostri non avere nel DNA la visione del fatto che questo è Més que un club.

DVM

9:36 AM  
Anonymous Anonimo said...

Valentino, su SPORT si parla di un interessamento per Ansaldi del Rubin. Come lo vedi?
Lui gioca terzino sinistro, quindi credo si voglia rimpiazzare Abidal e fare concorrenza a Maxwell, ma dato che nonostante sia mancino può giocare a destra può coprire la lacuna della riserva di Dani Alves.
Però io credo che un terzino debba giocare nella fascia del suo piede, mi spiego, eccetto rari casi (Lham gioca meglio a sinistra perché può rientrare e non far pesare il fisico più da ala che da terzino) il terzino deve avere sempre la possibilità di crossare lanciato in corsa, ma se si mette sulla fascia opposta al piede, tenderà sempre a rientrare per portarsi sull'altro piede e quindi perderà secondi importanti di vantaggio sul difensore. In difesa è indifferente il piede, dato che può capitare di dover marcare un Robben che giocando a destra, ma rientrando solo col sinistro venga quasi comodo marcarlo se si è destri.

Roguardo l'ipotesi di acquisto di Ansaldi per la fascia sinistra invece che destra stavo pensando che forse vendere Abidal (come avevo detto in un post precedente) potrebbe essere rischioso, se veramente Pep vuole provare ad impostare Muniesa come terzino sinistro (una sorta di nuovo Puyol sulla fascia opposta, ipotesi affascinante) , dato che il catalano per almeno un altro anno non può assicurare lo stesso valore del declinante francese, forse sarebbe meglio tenersi Abidal per lasciare crescere Muniesa senza pressioni: lasciandogli giocare alcune partite con avversari abbordabili, come si è fatto all'inizio con Bojan.

DVM

12:05 PM  
Blogger Flavio said...

Visto che siamo al fantamercato, il mio attacco ideale per il Barça sarebbe MESSI-PEDRO-BOJAN-TORRES-LLORENTE, più i giovani ROCINHA e GAI, più gli adattabili INIESTA e FABREGAS. A centrocampo, oltre al ritorno di CESC, opterei per prendere un centrocampista forte fisicamente ma più offensivo, uno tra DIABY o perchè no BALLACK (in scadenza col Chelsea, ma se utilizzato con parsimonia, e se si riprende dagli infortuni, in grado di giocare almeno altri due anni). Ovviamente mi terrei stretto TOURE' confermando XAVI, BUSQUETS e KEITA, il quale potrebbe essere benissimo impiegato anche come terzino sinistro o centrale di difesa. Capitolo difesa: prenderei DAVID LUIZ, un terzino destro offensivo per far rifiatare DANI ALVES, darei in prestito CHYGR, venderei MARQUEZ, venderei MILITO prendendo VERTONGHEN (può fare anche il terzino) e proporrei JEFFREN come vice MAXWELL e MUNIESA come vice ABIDAL o come alternativa ai centrali di difesa.

12:47 PM  
Anonymous Anonimo said...

non ho detto che il Barca deve ricomprare Maxi Lopez. ho detto che fu un errore (s)venderlo, come sarebbe oggi un errore vendere Ibra. almeno un giocatore forte fisicamente in attacco serve, io dico pure due, almeno.

sono al 100% d'accordo con fabio i due Fernando sarebbero perfetti per il Barca.
il centrocampista offensivo più che Diaby o Ballack per me potrebbe essere Afellay che ha il pregio di saper giocare benissimo senza palla e inserirsi da dietro e svariare.
se si prende david luiz si può pure prendere in considerazione l'opportunità di cedere abidal se dovesse arrivare una bella offerta, e lanciare muniesa...

KUBALA

3:39 PM  
Anonymous Anonimo said...

@ Flavio Tutto ma Diaby e Ballack no ti prego! ho seguito l'Arsenal in quanto fan di Wenger e devo dire che il giocatore francese fa' molto movimento, ma non difende e non pressa MAI come il fisico gli permetterebbe e in attacco fa' sempre una cosina in più del dovuto, finendo per mandare in controtempo i compagni di squadra, più volte si è intestardito in dribbling sulla fascia (!!!) per poi scaricare la palla male e farla perdere alla sua squadra. Ha una testa alla Adebayor (lo so che è un'offesa e mi scuso) inoltre nel colpo di testa è meno forte di quanto sembri ed è perennemente a rischio infortuni: ha giocato solo 68 partite in tre anni (solo 29 in questa) numeri da Robben vecchia maniera...

Ballack per me è uno dei giocatori più sopravvalutati della terra e non vedo come inserirlo nel contesto Barça, non mi sono mai piaciuti gli scarti delle altre squadre che vanno a togliere minuti al Thiago o al Dos Santos di turno.

Mi piace molto la tua proposta Vertonghen, giocatore per me perfetto per Guardiola: fa' quello per cui è stato strapagato Chygro ma è più duttile, può giocare centrale e a centrocampo e adattarsi anche terzino (un po' lento per giocarci un campionato intero) ed ha una personalità alla Piqué con cui formerebbe una coppia centrale veramente stuzzicante e futuribile!

Ciao e Força Barça ^^

DVM

6:55 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home