venerdì, ottobre 05, 2007

Convocati Danimarca-Spagna e Spagna-Finlandia.

Luis Aragonés ha diramato la lista dei 20 convocati per l' impegno in Danimarca di sabato 16 Ottobre, gara cruciale per i destini del gruppo F (fondamentale non perdere per la Spagna, vitali i tre punti per mantenere vive le speranze danesi), e per l' amichevole del mercoledi seguente con la Finlandia.

Portieri: Casillas (Real Madrid); Reina (Liverpool).
Difensori: Sergio Ramos (Real Madrid); Puyol (Barcelona); Marchena, Albiol (Valencia) Capdevila (Villarreal); Pablo, Pernía (Atlético Madrid).
Centrocampisti: Xavi, Iniesta (Barcelona); Cesc (Arsenal); Joaquín, Angulo, Albelda, Silva (Valencia) ;Riera (Espanyol).
Attaccanti: Villa (Valencia); Torres (Liverpool); Luis García (Espanyol).


Finalmente convocato Raul Albiol, da più di un anno meritevole della chiamata, non figurano nella lista invece l' infortunato Xabi Alonso, il difensore centrale del Betis Juanito e il terzino destro del Villarreal Angel, scelta discutibile questa non tanto per il valore assoluto del giocatore ma perchè così a disposizione di Aragonés resta praticamente un solo terzino destro, ovvero Sergio Ramos.
Piacevolissima novità è Riera, altra convocazione sacrosanta, visto lo splendido inizio di stagione del talentuoso mancino dell' Espanyol. Riera che è alla prima convocazione assoluta, e che quasi quasi mi giocherei subito contro la Danimarca, spostando Silva nel mezzo della trequarti in un 4-2-3-1 (ma qui c'è un vero proprio problema di abbondanza per il C.T., che nella zona centrale dispone di Xavi, Iniesta e Cesc, questi ultimi due in condizioni tali che lasciarli fuori rappresenterebbe un delitto in qualunque formazione del mondo). Sull' altra fascia, a quanto pare Angulo non ce lo possiamo proprio evitare, e che Dio ci conservi sano il buon Joaquin...
In attacco, senza nulla togliere al valore dei tre eletti (Luis Garcia poi è modello di costanza, completezza e versatilità), non mi sembra molto azzeccata la mancata convocazione di Morientes, uno che al di là dei periodi di forma mi porterei sempre dietro in questo tipo di partite in cui il mestiere può rivelarsi decisivo.

Etichette:

14 Comments:

Anonymous Anonimo said...

parli parli riera ecc..
ma nn t sembra che manca 1 certo raul???
visto ke parli di forma???

HALA MADRID 10

7:10 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Contento per Riera, penso invece che fosse meritato il ritorno di Raùl, tornato su livelli più che accettabili.

PS: alla fine ti sei dimenticato di inserire Raùl Albiol nella lista ;)

7:58 PM  
Blogger valentino tola said...

Riera non vende tante magliette e non fa molte copertine, ma bisognerebbe vederlo con attenzione, è assolutamente uno degli interpreti migliori del ruolo in questo inizio di Liga, e non è nemmeno lontanamente una meteora, perchè tutti quelli che guardano oltre Real Madrid e Barça conoscono il suo talento, sin dagli esordi nel Mallorca.
Per quanto riguarda Raul, è in ottima forma, si poteva convocare ma non è assolutamente scandaloso non averlo fatto, Luis Garcia al momento non ha nulla da invidiargli. Il problema è che ciò che interessa non è che la Spagna si giochi tutto, ma se viene convocato o meno Raul. Se venisse convocato romperebbero subito le scatole per farlo giocare a forza (come quando la Spagna perse il Mondiale contro la Francia), e non parlo di Raul che è un professionista magnifico, come ce ne sono pochi, ma di tutta la stampa nazional-madridista che affronta le cose in maniera superficiale e distorta.
Io come scelta personale ho deciso di tenermi più lontano possibile su questo blog di tutti quegli argomenti di cui abbonda la stampa sportiva, anche la nostra, quando si parla di calcio spagnolo: le crisi di Ronaldinho e cose di questo tipo, fra cui anche la questione-Raul, estenuante e fuorviante, perchè i problemi della Spagna non dipendono da Raul.
Preferisco concentrarmi sui giocatori attuali e sui nuovi talenti che in futuro potrebbero approdare in nazionale.
E' una cosa incredibile: ci sono Villa, Torres, Iniesta, Joaquin, Silva, Cesc, Sergio Ramos, ma non si fa altro che parlare di Raul...
Raul continui così e avrà buone chances per l' Europeo, ma non c'è nessuna urgenza.

@ Kerzhakov
Grazie, errore grossolano, correggo subito.

8:42 PM  
Anonymous Anonimo said...

secondo me manca un mediano difensivo,dopo albelda non cè nessuno, va be che finlandia e danimarca non hanno grandi registi o fantasisti (anche se amo i danesi per quelle loro ali tutta velocità e ricerca di uno contro uno, e soprattutto per il poco conosciuto ma in prospettiva fortissimo nicklas bendtner)

jose enrique è infortunato? a me la stagione scorsa è parso il miglior interprete(spagnolo) del ruolo, e sarebbe utilissimo soprattutto se si fa giocare a sinistra un trequartista come silva che non ha il passo per arrivare sul fondo

11:28 PM  
Anonymous Anonimo said...

credo che Raul in Spagna sia come Del Piero in Italia: una religione nata oltre che per (ormai antichi) meriti tecnici, anche per le migliaia di ragazzine che hanno il poster in camera e che vedono le partite dell'Italia solo se lui gioca; insomma Del Piero "deve" giocare in nazionale, anche se nella Juve ormai fa la differenza una volta ogni venticinque partite.

poi, per chi decide (Donadoni e la federazione), che giochi in maniera pessima come contro la Francia - anche in un ruolo non suo - non conta nulla, purtroppo;
Del Piero rappresenta i 10 milioni di juventini e quindi "va" convocato;

e questo è l'aspetto forse più brutto del calcio: il marketing

marco

1:09 PM  
Anonymous Iriney1986 said...

ti lascio il solito link per la partita del Celta se ti interessa... http://www.telemadrid.com/video/laotra.pag? - Celta - Xerez

7:29 PM  
Anonymous luis said...

Raul come Del Piero quoto con te Marco, la differenza e che Aragones e un uomo vero e Donadoni un povero racomandatto.

8:17 PM  
Anonymous luis said...

In quel gruppo meto anche Trezeguet.

8:24 PM  
Anonymous Anonimo said...

ok ma Trezeguet ha una media-gol spaventosa...
Non sarà eccellente dal punto di vista tecnico, ma a differenza di Del Piero è ancora un giocatore decisivo.

marco

9:29 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Iriney, come sta andando quel "pazzo" di Quincy?

E' un gran bel giocatore, rapidissimo e tecnicamente dotato come pochi, ma spesso inutile, nello Spartak fu bocciato poichè troppo "anarchico" e discontinuo, oltre che tatticamente una frana.

12:18 AM  
Anonymous Iriney1986 said...

Maluccio, oggi è restato tutta la partita in panchina, la settimana scorsa non era nemmeno stato convocato... l'impressione è che i limiti russi si ripetano anche in Spagna, anche se tecnicamente un giocatore è molto forte se poi tatticamente è una frana, difficilmente è un valido titolare!

3:13 AM  
Blogger valentino tola said...

@ Anonimo
Sì, nei convocati Albelda è l' unico centrocampista difensivo di ruolo, ma c'è anche Marchena che può farlo (anzi, forse ormai lo fa meglio del ruolo di difensore). Poi in futuro ci saranno Zapater (che può anche fare la mezzala) e Sunny, grande talento. Considerando anche Borja del Valladolid, i ricambi ci sono.
Di José Enrique l' anno scorso parlavo ad ogni convocazione, facendo le stesse considerazioni tue, anche nei dettagli tattici. Ma se lo ignorava l' anno scorso, quest' anno sarà ancora più difficle: mi pare che al Newcastle faccia soprattutto panchina (mi sembra giochi N'Zogbia). Devono stare attenti questi giocatori spagnoli quando vanno in Inghilterra: non dovrebbero guardare solo a chi li paga meglio, ma anche a chi gli offre più prospettive, vedi quello che è successo a Luque.

@ Marco
Hai centrato parte del problema, del quale fa parte anche una stampa specializzata che lascia davvero a desiderare (meno male che ci sono le pagine sportive del Pais...)

@ Luis
Ma mi pare in ogni caso che Domenech non ami follemente Trezeguet...

@ Iriney
Grazie, mi sono anche collegato ieri, ma non l' ho vista. Come è andata? Stoichkov si è salvato?

@ Kerzhakov
Quincy: ahimé, uno dei più grandi talenti buttati al cesso degli ultimi anni...

10:22 AM  
Anonymous Iriney1986 said...

Si, penso di si... il Celta ieri era un pò più squadra del solito, anche perchè se hai Canobbio,Diego Costa e Okkas in Segunda prima o dopo qualcosa crei. Anche se il vero cambio di ritmo il Celta l'ha avuto nel secondo tempo con l'ingresso di Perera, su di lui so benissimo come la pensi ma ieri è stato molto utile. Se si pensa che era ormai finito ai margini e non veniva mai convocato (gli preferiva Manchev) e sulla maglia gli hanno addirittura scritto sbagliando "J.Perea", stavolta un bravo se lo merita. La settimana prossima stessa ora e canale gioca contro l'Albacete, manca Okkas via con la nazionale e Diego Costa è squalificato... è molto probabile che giochi titolare!

11:38 AM  
Blogger valentino tola said...

Sì, ma Perera in Segunda ci sta benissimo, ne era stato anche il capocannoniere qualche anno fa mi sembra nell' Albacete. Però quando mi contestano Baiano...

11:49 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home