venerdì, marzo 20, 2009

Sorteggi Champions e convocati Spagna-Turchia.

CHAMPIONS LEAGUE

Quarti di finale (7-8 Aprile/14-15 Aprile)

1. Villarreal (ESP) - Arsenal (ING)

2. Manchester United (ING) - Oporto (POR)

3. Liverpool (ING) - Chelsea (ING)

4. Barcelona (ESP) - Bayern Múnich (GER)


Semifinali (18-19 Aprile/5-6 Maggio)

1. Vincente Manchester Utd.-Oporto // Vincente Villarreal-Arsenal

2. Vincente Barcelona-Bayern // Vincente Liverpool-Chelsea

È andata bene o è andata male alle spagnole? Personalmente direi che... è andata. A questo punto della competizione ci son poche considerazioni da fare (tranne quella che vede la strada del Manchester United piuttosto in discesa da qui alla finale: nei quarti come nelle potenziali semifinali, ai Red Devils son capitate sicuramente le avversarie più abbordabili, mentre nell'altro lato del tabellone si scanneranno), si tratta di giocarsela e basta.

Non vedo giocare il Bayern da tantissimo tempo, i ricordi risalgono alla fase a gironi e ai primi mesi della stagione di Bundesliga, ed erano quelli di una squadra estremamente disorganizzata anche se capace di fare male in qualunque momento, prescindendo dalla manovra, contando sul peso degli attaccanti e sulle incursioni di Ribery, probabilmente l'unico fuoriclasse della squadra bavarese. Non posso perciò dirvi come arriverà l'undici di Klinsmann al Camp Nou, posso solo fare valutazioni sulle qualità dei rispettivi giocatori, e in questo senso il Barça dovrebbe partire avvantaggiato. Da tenere d'occhio comunque il fattore-campo: non è comodissimo per i blaugrana giocare la prima in casa, è una situazione che offre ai tedeschi maggiori opportunità di speculare.

E non è per niente comodo neanche per il Villarreal, anzi ne deprime ulteriormente le già ridotte chances, giocare il ritorno all'Emirates. Prevedo una grossa sofferenza per gli uomini di Pellegrini sul piano del ritmo: come successo col Manchester United, è probabile che a centrocampo si impongano i ritmi altissimi degli inglesi, e che perciò il Villarreal, impossibilitato a proporre il suo calcio "sudamericano", venga costretto a una partita di puro contenimento (sicuramente fuori casa avverrà questo). Va detto comunque che le due partite giocate sulla difensiva con lo United furono buone, e che l'Arsenal qualcosa dietro può sempre concederla. In ogni caso pare non impossibile ma molto difficile togliersi dalla bocca l'amarissimo sapore del rigore sbagliato da Riquelme nella semifinale del 2006. Ancora di più contro un Arsenal che dovrebbe arrivare alla sfida recuperando tutti quei giocatori la cui assenza contro la Roma mise in serissimo pericolo la qualificazione.

NAZIONALE

Portieri
: Iker Casillas (Real Madrid); Pepe Reina (Liverpool); Diego López (Villarreal).

Difensori: Álvaro Arbeloa (Liverpool); Sergio Ramos (Real Madrid); Raúl Albiol, Carlos Marchena (Valencia); Juanito (Betis); Capdevila (Villarreal); Piqué (Barcelona)

Centrocampisti: Iniesta, Xavi, Busquets (Barcelona); Silva (Valencia); Xabi Alonso, Riera (Liverpool); Senna, Cazorla (Villarreal).

Attaccanti: Villa (Valencia); Fernando Torres (Liverpool); Fernando Llorente (Athletic Bilbao); Dani Güiza (Fenerbahçe).

Doppio confronto importantissimo quello con la Turchia: con 4 punti almeno fra le due sfide (la prima il 28 Marzo al Bernabeu, la seconda all'Ali Sami Yen il 1 Aprile) la Spagna potrebbe ipotecare la qualificazione.
L'unica novità, sacrosanta, nella lista dei 20, è la convocazione di Diego López, in forma straordinaria e anche come valori assoluti attuali degno di entrare nel podio dei migliori portieri spagnoli.
In attacco non c'è stato il ritorno di Raúl, come invece prospettava Marca: sapete come la penso sulla questione, quindi non mi dilungo oltre. C'è un gruppo consolidato, e non vale la pena rischiare di alterarne gli equilibri per un giocatore che il meglio di sè lo ha già abbondantemente dato.
Alla fine il ballottaggio reale per Del Bosque era quello fra Negredo e Güiza, con vittoria finale per il secondo: il "turco" non attraversa un gran momento, ma il CT ha deciso in questo senso per motivi di continuità rispetto all'Europeo (ma non bisogna esagerare con questo tipo di motivazioni, sennò si rischia di finire come la Francia) e per una questione di varietà di alternative offensive (già più condivisibile: come ariete c'è già Llorente, Güiza offre un gioco diverso). Attenzione comunque: questo quarto posto di attaccante resterà la contesa più accesa in tutte le prossime convocazioni, pensando ai vari nomi in corsa (oltre a Güiza e Negredo, ci sono Bojan e Mata-convocabile anche fra i centrocampisti-, un possibile ritorno in ballo di Sergio García e Luis García, oltre a nomi a sorpresa come Joseba Llorente e, perchè no?, Colunga del Recreativo).
In attesa dei ritorni di Cesc e Puyol, confermati centrocampo e difesa. Mentre la mediana, il reparto principe, resterà molto probabilmente immutato da qui all'eventuale lista per il Mondiale sudafricano, la difesa invece è maggiormente suscettibile di modifiche nel medio-lungo periodo. Marchena e Juanito difficilmente dureranno, e anche Capdevila e Arbeloa potranno venire scalzati nella prossima stagione. La presenza di Piqué non è per niente giustificata dal rendimento di questa stagione (sebbene le ultime due partite abbiano segnalato una crescita del blaugrana), ma guarda proprio al futuro, alla ricerca di un centrale di stazza e anche discreto piede per iniziare l'azione che un po'mancava nella rosa dell'Europeo.

Etichette: ,

7 Comments:

Blogger madrid7 said...

Sorteggio a mio avviso benevolo....Il Villareal di meglio poteva trovare solo il Porto, ma dopo il Panathinaikos sarebbe stato troppo....il Barça ha preso una squadra su misura.
Lontano dal solito Bayern pragmatico degli anni '70 e di inizio millennio questo Bayern somiglia molto al suo allenatore ed alla Germania del 2006.
Attacco mitraglia e difesa-colabrodo basti vedere i suoi risultati in Germania.
Klismann ha saputo ridare ai teutonici una dimensione europea, smarrita negli ultimi anni come per esempio nel periodo- Ballack.
L'attacco del Bayern può far male alla difesa Blaugrana ma non capisco come la difesa del Bayern possa arginare la Velocità dei 3 attaccanti del Barça, di certo no con Lucio e Van Buyten o come si scrive.L'unica nota stonata di questo sorteggio sono semmai i precedenti che dicono nettamente Bayern.
Semi-finale Uefa 1995-1996 Bayern-Barcelona 2-2 e 2-1 primo turno Champions '98-99 Bayern-Barcelona 1-0 e 2-1
Ciò significa che il Bayern ha sempre vinto al Nou Camp, ma si parla di 10 e più anni fà e quello era il sopravvalutatissimo Barça di Van Gaal poi rivelatosi mediocre nel secondo caso, mentre nel primo era l'era Cruijff agli sgoccioli, e lo stesso Bayern era più forte di quello attuale,
Semmai per la semifinale vedrei il Brça maluccio qualora dovesse qualificarsi il Liverpool per il Barça come ho già ampiamente detto, sarebbe meglio persino il Manchester.

12:33 PM  
Anonymous Hincha Madridista said...

Non so l'opinione di Vale su Raul in nazionale e francamente vorrei saperla, visto che Guiza non mi è mai piaciuto e non mi sembra un giocatore da alti livelli (se no mica sarebbe emigrato in Turchia con in tasca il titolo di pichichi...). Anche se don Vicente ha sempre dichiarato che le porte delle Furie sono sempre aperte per il nostro Capitan...
Per quanto riguarda la Champions, percorso agevole per il Man anche se le ultime uscite in premier sono state disastrose (soprattutto la sconfitta col Fulham...) e ciò potrebbe favorire l'Arnsela squadra non appariscente ma che gioca bene e veloce. Ma se il man ritroverà la bussola ho già il nome di una finalista, mentre l'altra parte del tabellone è da coltello tra i denti. Non credo che il Bayern sia un buon cliente per il Barca, anche il Madrid degli anni d'oro ha sempre fatto fatica contro una squadra che parcheggia il pullman davanti alla porta in trasferta e attacca con ritmi forsennati la prima mezz'ora in casa, per passare i blau dovranno fare almeno 2 gol in casa senza subirne (e il Barca non ha proprio una difesa d'acciaio), ardua...
Liverpool-Chelsea ha tutto per essere la miglior partita dei quarti anche perchè senza Mou in panca il Chelsea gioca più sciolto, magari concedendo qualcosa, ma garantendo una gara più dinamica e spettacolare delle semifinali noiose delle ultime edizioni.

11:50 AM  
Blogger valentino tola said...

Sì, poteva andare anche peggio il sorteggio.

Come detto non ho seguito affatto il Bayern ultimamente, però da quanto visto a inizio stagione e anche da quanto letto da fonti affidabili, non pare una squadra equilibratissima.
Ho letto che adesso sta giocando Demichelis a centrocampo, e mi sembra un miglioramento rispetto alla coppia Van Bommel-Zé Roberto che mi sembra un disastro, però questa mancanza di equilibrio difensivo del Bayern, questi spazi fra difesa e centrocampo, mi sembra possano consentire al Barça il gioco che ama fra le linee, e una volta innescati Messi e Iniesta (però il manchego si è di nuovo infortunato: tornerà per la Champions ma non si sa in che condizioni) la difesa bavarese rimarrebbe esposta alla maggior velocità dei blaugrana.
Il resto poi lo dovrà fare una partita moooooooolto attenta in fase di non possesso da parte del Barça, perchè il bayern è la classica squadra che il gol lo può trovare sempre, a prescindere dal gioco.
Accorciare con la difesa alta e pressare subito alto per raggiungere due obiettivi che annullino l'attacco del Bayern:
1) togliere spazio a Ribery per ribaltare il gioco palla al piede;
2) allontanare Toni dall'area di rigore. Lontano dall'area Toni non ha il passo per fare male, poi bisognerà allontanarlo dal resto della squadra come fece la Spagna all'Europeo. Alves e il terzino sinistro dovranno ricacciare dietro Ribery e Schweinsteiger e togliere al Bayern la possibilità di ripartire e appoggiarsi su Toni.

1:47 PM  
Blogger valentino tola said...

Si può dire che la partita la deciderà il confronto fra la fascia destra più forte del mondo e una delle fasce sinistre più forti del mondo: Alves/Messi contro Lahm/Ribery sono coppie dal potenziale offensivo enorme. Ove il Barça riuscisse ad appiattire Ribery e Lahm su una gara esclusivamente difensiva, allora avrebbe mezza partita vinta.

1:49 PM  
Blogger valentino tola said...

Ah, scusa non mi son pronunciato su Raul.
La mia opinione su Raul è che sia lontanissimo parente del giocatore di 5 anni fa. Non è più da tempo un giocatore in grado di fare la differenza e non vedo nemmeno perchè debba avere il posto assicurato nel Madrid (se devo scegliere due attaccanti fra Huntelaar, Higuain e il capitano, tutta la vita scelgo i primi due, ora come ora).
Perciò non trovo giusto nè opportuno tutto questo tam-tam mediatico sulla sua convocazione. La nazionale ha trovato altre strade, e prescindono da lui. Tra l'altro mi è capitato di leggere che il suo peso nello spogliatoio della nazionale fosse decisamente ingombrante, al punto di mettere in discussione l'autorità del CT e di indispettire i compagni.
Prima dell'Europeo dicevo che avrei accettato Raul solo se lui a sua volta avesse accettato la propria condizione di terza scelta, perchè Villa e Torres li ritengo ora come ora di un altro livello. Ora mi vedo costretto a dire che Raul sarebbe la quarta scelta, visto il livello cui è arrivato Llorente. E non so quanto accetterebbe Raul un ruolo di quarta scelta e quanto questo beneficerebbe l'ambiente della nazionale e l'armonia dello spogliatoio...

1:58 PM  
Blogger madrid7 said...

Secondo me vale stai esagerando un pò troppo.Va bene che gli attaccanti titolari della Spagna debbano essere Villa e Torres, è con loro che la Spagna ha vinto l'europeo, (anche se Viilla nelle partite ad eliminazione diretta non ha mai segnato), va bene che Raùl ha 31 anni e non più 25 però come dice Hincha Guiza ed anche LLorente quante partite ad alti livelli hanno giocato?? Siamo sicuri che reggeranno un simile palcoscenico???
Poi su Higuain non sono d'accordo, il ragazzo ha si i colpi, ma mi sembra un giocatore molto egoista e non dotato di QI calcistico, basti vedere le due gare con il Liverpool, quando doveva svolgere il ruolo di centravanti ed invece ha iniziato a muoversi a zonzo ed a cercare dribbling improbabili.
Oltretutto non è la quintaessenza della freddezza sottoporta, specie nelle gare importanti, quindi non mi sembra così imprescindibeile o così meglio di Raùl che per la squadra si sacrifica, almeno, poi sia chiaro, ognuno ha le sue idee di calcio e tutte vanno rispettate.
Trovo però alquanto singolare che l'eventuale presenza in nazionale di Raùl, il cui nome è sempre stato sinonimo di Leadership si ma anche di capacità di fare gruppo e di giocare di squadra, possa creare squilibri all'interno dello spogliatoio, mi domando se il problema sia lui o se sono gli altri che hanno la coda di paglia.....

4:00 PM  
Blogger valentino tola said...

Beh, sulle storie dello spogliatoio ovviamente non posso mettere la mano sul fuoco... però difficile anche che possano avere la coda di paglia. Per cosa? per aver vinto l'Europeo.

Ok, Llorente partite ad alti livelli non le ha giocate... e allora lasciamogliele giocare, no?:-)
Le qualità di Guiza sono tranquillamente discutibili, ma quelle del basco lo sono molto meno (il suo problema è sempre stato psicologico, non certo tecnico). Tanto più che Llorente completa il repertorio offensivo molto di più di quanto non farebbe Raul, per un semplice fatto di caratteristiche tecniche (Raul non è una prima punta di ruolo nè tantomeno un ariete).
Poi dimentichiamo che in questo discorso si dovrà prima o poi inserire un quarto incomodo, e cioè Bojan. Quando si dimostrerà pronto, gli prepareranno un posto nei 22/23.

Higuain ha deluso tantissimo anche me con il Liverpool e con la Juve. In quelle partite si è mosso come un ubriaco, ed è anche strano perchè in assoluto non trovo che sia un giocatore poco intelligente, in altre partite ha avuto dei movimenti molto incisivi e non era certo solito intestardirsi nel dribbling... ritengo che il suo problema in queste partite sia stato più di personalità che di carenze tecnico-tattiche.

4:17 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home