domenica, novembre 26, 2006

DODICESIMA GIORNATA: Barcelona-Villarreal 4-0: Ronaldinho, rig.; Gudjohnsen; Iniesta; Ronaldinho.

Ancora una volta, come contro il Recreativo, il Barça riceve un aiuto arbitrale utile per aprire le marcature e mettere la gara in discesa; ancora una volta Gudjohnsen recita e ottiene un calcio di rigore. Però stavolta concentrarsi solo su questo vorrebbe dire guardare la partita da una prospettiva un po' troppo limitata, perché il Barça, dando spettacolo per larghi tratti, dimostra sempre più netti progressi atletici e mentali e anche perché il Villarreal è risultato semplicemente deprimente, e in queste condizioni pensare a un risultato diverso da quello finale risulta quantomeno difficile. E poi c'è stata anche la rovesciata del 4-0 di Ronaldinho, una cosetta niente male…
Dopo una partenza con le due squadre (fedeli alla loro filosofia) disposte a giocarsela a viso aperto ma senza grandi sussulti, il rigore farlocco sblocca tutto e da lì in poi è un monologo del Barça. Guidati da un memorabile Ronaldinho, i blaugrana in alcuni momenti toccano vette artistiche sublimi, soprattutto quando si possono tranquillamente distendere in campo aperto (privilegio raramente concessogli dagli avversari) e i vari Deco, Iniesta, Ronaldinho e in seguito il subentrato Xavi si esaltano nel nascondere il pallone agli avversari, trovando grande collaborazione nel dinamismo di Giuly e soprattutto Zambrotta.
Sono sempre più deluso da questo Villarreal: senza Riquelme (sì, anche senza il Riquelme desolante degli ultimi tempi), ieri assente per la nascita del suo secondo figlio, sappiamo da tempo che il Submarino è una squadra normalissima. Però nonostante questo non guadagna nulla in grinta e resta insopportabilmente tiepido, scialbo, senza accelerazioni e senza determinazione, con il solito handicap di un gioco sulle fasce inesistente.

I MIGLIORI: Ronaldinho esaltante, un piacere vederlo così ispirato. Esteticamente appagante senza perdere mai in efficacia, con una visione panoramica del campo per servire millimetricamente i compagni che si smarcano in corsa, ora con un tacco a favorire la sovrapposizione di Van Bronckhorst, ora con un' apertura d'esterno verso la fascia destra. Recuperato in pieno un aspetto fondamentale del suo gioco come lo spunto nell' uno contro uno, segna poi un gol semplicemente da antologia, una rovesciata la cui bellezza viene esaltata dalla sua notevole difficoltà d'esecuzione, dato che dopo lo stop il pallone stava scappando lateralmente.
Iniesta in crescendo col passare dei minuti, ancora una volta su altissimi livelli: perfetto pallonetto che smarca Gudjohnsen sul secondo palo per il secondo gol e bel gol del 3-0, in mezza rovesciata su cross di Zambrotta. Da notare un dato: 3 gol per lui, non proprio un bomber, nelle ultime 3 partite. Tre gol che tra l'altro sono arrivati sempre in seguito a un cambio ricorrente di Rijkaard nelle ultime partite: a risultato già acquisito, fuori uno dei tre attaccanti (in genere Giuly) e dentro Xavi (che sta accettando senza fare storie una panchina molto dura per uno della sua classe), con Iniesta che va a fare la finta ala destra, andando a comporre una specie di 4-4-2 che blinda ancor di più il possesso palla. E Iniesta in questa situazione sta trovando il gol con una certa facilità, sfruttando la sua capacità di inserirsi in area di rigore a fari spenti.
Finalmente un grande Zambrotta. Era solo questione di tempo e di trovare la condizione e le misure giuste all' interno del 4-3-3 di Rijkaard: sovrapposizioni continue, recuperi, chiusure veloci e decise in fase difensiva e anche un ottimo cross per il 3-0 di Iniesta.
I PEGGIORI: Nel Villarreal c'è solo l' imbarazzo della scelta, quindi vediamo… Josico inesistente a centrocampo e giustamente sostituito alla fine del primo tempo; Cani continua ahimè a deludermi, pesce fuor d'acqua per nulla incisivo nelle sue pochissime iniziative; José Mari inutile in attacco (anche lui sostituito alla fine del primo tempo); Javi Venta ridicolizzato da Ronaldinho.


Barcelona (4-3-3): Valdés 6,5; Zambrotta 7, Thuram 6, Puyo 6, Gio 6,5; Iniesta 7, Edmilson 6,5 (78'), Deco 6,5; Giuly 6,5 (67'), Gudjohnsen 6,5 (72'), Ronaldinho 8.
In panchina: Jorquera, Oleguer 6 (78')s.c. Belletti, Sylvinho, Xavi 6 (67'), Ezquerro 6 (72').
Villarreal (4-4-2): Barbosa 6,5; J. Venta 4,5, Fuentes 5, Cygan 5,5, Arruabarrena 5; Cani 5, Senna 5,5, Josico 5 (46'), Marcos 5,5; José Mari 5 (46'), Forlán 6.
In panchina: Viera, Peña, Josemi,Tacchinardi 5 (46'), Somoza, Jonathan, Franco 5 (46').

Goles: 1-0 (35'): Ronaldinho, de penalti; 2-0 (55'): Gudjohnsen, de cabeza; 3-0 (70'): Iniesta, de volea; 4-0 (88'): Ronaldinho, de chilena con pierna derecha.
Árbitro: Pérez Lasa (Colegio Vasco). Amonestó a Cygan (34'), Zambrotta (46'+), Fuentes (67'), Cani (74'), Tacchinardi (79'), Franco (79'), Arruabarrena (83') y Ronaldinho (89').
Incidencias: Camp Nou. 78.417 espect.

Il "golazo" di Ronaldinho http://www.youtube.com/watch?v=YYcG61P1S4o

Etichette: , ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home