lunedì, febbraio 14, 2011

Podcast-Ecos del Balón.

Sono in emergenza. Il mio computer, riposi in pace, ancora una volta ha avuto un guasto. Vi scrivo perciò da un altro computer, e da un altro computer ho registrato quello che vi vado a presentare.

Il curatore di Ecos del Balón, Abel Rojas, mi ha invitato a partecipare al Podcast di presentazione degli ottavi di finale di Champions League, in particolare Arsenal-Barça e Milan-Tottenham. Assieme ad Abel, David León e Miguel Quintana ("Boxtobox") mi è toccato quindi parlare in spagnolo di Arsenal (?), Tottenham (??) e Milan (???). Non sono proprio il massimo esperto di queste squadre (ho dovuto fare un "corso accelerato"!), e mi scuso in anticipo anche per il mio spagnolo un po' stentato, la voce da morto di sonno e la erre moscia. Però consiglio comunque a chi capisce la lingua di ascoltarlo, ne vale la pena. Purtroppo è molto lungo, due ore, per cui a chi potesse consiglio di ascoltarlo in due parti, prima il Tottenham-Milan, che si gioca martedì, la cui analisi parte dal minuto 51 del Podcast, e poi Arsenal-Barça, che invece è all'inizio del Podcast.

Potete ascoltarlo direttamente o scaricarlo.

In generale, vi consiglio Ecos del Balón, che considero il miglior sito spagnolo di calcio. Mi piace il loro modo di vedere il gioco, basato su due premesse fondamentali: che la tattica non è mai qualcosa di astratto, ma assume significato solo a partire dalle qualità dei giocatori (che non sono solo qualità tecniche e atletiche, ma anche intelligenza nel leggere il gioco); e che non esiste una fase difensiva totalmente separata da quella difensiva, ma che le due fasi (anzi le quattro, comprendendo transizione difensiva e transizione offensiva) sono sempre strettamente correlate, che l'una pone le premesse dell'altra.

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Mauro said...

Non conoscevo Ecos del Balón, veramente ben fatto, con tanti argomenti interessantissimi e lucide analisi, che è poi quello che mi piace di questo blog.
Una curiosità, hai scritto che consideri Ecos del Balón il miglior sito spagnolo di calcio, quale consideri invece il miglior sito italiano di calcio?

11:06 AM  
Blogger Flavio said...

Credo che per il Barcellona sia giunta l'ora di acquistare un portiere degno del resto della squadra.
V Valdes sarà anche bravo coi piedi, ma non si può prendere un gol del genere in un ottavo di champions...prendere un gol sul proprio palo potrebbe vanificare in Europa tutto lo splendido lavoro fatto fino ad ora dalla squadra più forte che c'è in circolazione.
Inoltre sottolineo l'errore di Guardiola nel togliere così presto Villa, regalando campo ed entusiasmo all'avversario.
Il Barcellona non può e non sa difendersi senza i tre attaccanti, perchè come tutti sappiamo si difende attaccando e tenendo palla, ma per fare questo ha bisogno dei suoi sfoghi offensivi e del potere intimidatorio del suo tridente. Keita-Villa è un cambio che va fatto quando mancano 5 minuti alla fine. Se proprio devi cambiare Villa allora metti un altro attaccante, ma forse Guardiola non si fida di Bojan...bisognava quindi intervenire diversamente sul mercato.
Infine, vista la squalifica di Piquè, adesso si capirà quanto è stato inopportuno rinunciare a Tourè o comunque non acquistare un altro centrale difensivo; sempre che torni Puyol le alternative saranno Puyol-Abidal o Busquets-Puyol con Mascherano davanti alla difesa...insomma non dormirò sonni tranquilli.

10:01 AM  
Anonymous Hellas said...

Vale, ci sei ancora?

dico la mia su arsenal-barcellona.

un po' mi ha ricordato la partita di san siro: Barca a ritmi medio-bassi, sanguinose palle perse a centrocampo ed avversari che partono in contropiede affrontando uno contro uno la difesa.
La differenza è che da una parte c'erano samuel e lucio e dall'altra djourou e quell'altro francese, ed infatti il barca di occasioni ne ha avute parecchie.

Yaya Touré in champions league era fondamentale; in europa il centrocampo Xavi-Iniesta-Busquets è leggerino, o tutta la squadra va ai 100 all'ora o nascono i problemi. si è visto lo scorso anno a milano (tourè in panca) e pure mercoledì sera.

ora c'è il ritorno. che dire? per rimontare il ritmo deve essere più alto, questo è fondamentale, altrimenti alla prima palla persa parte subito la verticalizzazione. e lì sono dolori. e se wenger capisce che contro il catalani Bendtner può essere devastante (soprattutto ora che Pique è squalificato) i problemi aumentano.
Percentuali: 55% arsenal e 45% barcellona

11:27 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home