lunedì, marzo 07, 2011

Presentazione Barcelona-Arsenal (Podcast ECOS DEL BALÓN)

Quelli di Ecos del Balón mi avevano invitato per registrare un nuovo Podcast, incentrato tutto sulla partita di ritorno fra Barcelona e Arsenal, ma sfortunatamente problemi tecnici hanno impedito la pubblicazione. Così, è rimasta solo la conservazione fra me, Abel Rojas e David León, basata su un copione che vi vado a esporre punto per punto, in modo da comporre una sorta di analisi pre-partita che possa risultare interessante anche per voi che leggete questo blog.

La trasmissione partiva da un’analisi del primo tempo della partita d’andata (non decisivo per il risultato finale, ma dove si concentrano comunque i motivi tecnico-tattici più interessanti), e a partire dai punti deboli e punti forti evidenziati dalle due squadre arrivava a considerare le possibili soluzioni per il ritorno di domani.

Ecco il copione, e di seguito in corsivo approfondisco i vari punti. Alcuni prendono spunto da situazioni precise verificatesi nella gara d’andata, segnalate con il minuto dell’azione.


1. Presentazione. Conseguenze psicologiche del 2-1 e della finale di Carling Cup.

È importante considerare non solo l’aspetto puramente tecnico, ma come la partita d’andata e le settimane successive possano avere influito sulla psicologia delle due squadre.

La partita d’andata ha incrinato alcune certezze: quello che molti pensavano prima dell’Emirates era che trovandosi di fronte due squadre portate più o meno a giocare nella stessa maniera, dovesse per forza spuntarla semplicemente la più forte. Invece no: proprio per il fatto di possedere uno stile di gioco simile, l’Arsenal si è dimostrato capace di ripagare i blaugrana con la loro stessa moneta, evidenziando le difficoltà del Barça a difendere schierato nella sua metacampo quando di fronte ha un’altra squadra capace di palleggiare sin dalle retrovie e avanzare in blocco (cosa che non capita spesso).

In questo senso l’Arsenal ha visto il suo discorso rafforzarsi, ma le settimane successive hanno proposto nuovi dubbi sulla competitività dei Gunners, che al momento del dunque (finale di Carling Cup e possibile avvicinamento alla testa della Premier dopo la sconfitta del Manchester United a Stamford Bridge) ha ancora una volta balbettato. Perciò andrà verificata la saldezza mentale dei Gunners domani.

D’altro canto, il Barça all’Emirates ha perso quella aura di invincibilità (ma ancora di più di “ingiocabilità”) degli ultimi mesi, anche se in questi anni ha dimostrato una maggiore solidità in queste partite decisive rispetto alla squadra di Wenger.


2. Analisi dei primi 15´ dell’andata. Arsenal superiore:

- Due fatti collegati spezzano la continuità di gioco azulgrana:

· Aggressività dell’Arsenal nella propria metacampo. Palloni persi dal Barça prima della trequarti. Terzini.

L’Arsenal non pressa altissimo generalmente, aspetta che il Barça raggiunga il cerchio di centrocampo, e da lì sì si fa aggressivo, con l’obiettivo di non lasciar girare Xavi, pressato costantemente da Wilshere. Il Barça non trova la fluidità che desidera, e innesca pure un contropiede pericoloso con una palla persa da Maxwell.

· La qualità della fase di rilancio dell’Arsenal castiga un pressing alto disordinato del Barça, uomo contro uomo e a partire da un posizionamento collettivo svantaggioso.

Il fatto che non trovi la fluidità desiderata fa sì che il Barça fatichi anche a guadagnare le posizioni giuste nella metacampo avversaria per pressare non appena perde palla. Ciò rende inutili i successivi tentativi di pressing, caratterizzati da un certo disordine: il pressing alto del Barça in genere punta a disturbare direttamente l’avversario in possesso del pallone più che a intercettare le linee di passaggio. È uomo contro uomo.

Questo ha spesso un impatto sugli avversari, costretti a spazzare subito per non rischiare di perdere palla sulla propria trequarti. Una delle due mezzeali (soprattutto Xavi) accompagna altissimo Messi nel pressing sui due difensori centrali, e anche Pedro si lancia nel pressing con grande foga, talvolta abbandonando la zona di sua competenza. Il lato positivo è che aumenta sensibilmente la pressione sul portatore di palla avversario, fino a livelli talvolta insostenibili, quello negativo è che una volta superato questo primissimo pressing, se si sbagliano i tempi, l’avversario ha un’uscita facile.

L’Arsenal in questa fase si segnala per la qualità dei suoi disimpegni, che passano essenzialmente da tre giocatori: Koscielny (bravissimo nel superare la linea avversaria con un passaggio verticale), Song e Wilshere (giocatore meraviglioso per la visione di gioco e la capacità di uscire palla al piede in spazi stretti anche se pressato: in quest’ultimo aspetto è pure superiore a Fabregas), i quali eludono i tentativi di pressing del Barça e innescano Fabregas in quegli spazi intermedi lasciati sguarniti dalle uscite a vuoto dei centrocampisti del Barça.

In questo modo l’Arsenal riesce a prolungare la sua fase di possesso nella metacampo avversaria, dove il Barça soffre particolarmente se costretto a ripiegare.

Conseguenze/cause individuali durante questi primi 15’:

· Xavi sempre costretto a ricevere nella sua metacampo senza potersi girare e vedere subito il passaggio. Unica eccezione l’azione del minuto 1:50, quando Wilshere stringe troppo vicino a Song, Nasri scala e Xavi riesce a liberarsi per il passaggio sulla trequarti.

· Busquets, in grande difficoltà quando il Barça difende schierato nella sua metacampo. Riferimento: azione del minuto 5. In transizione difensiva, commette l’errore di non aspettare mai.

Busquets si segnala particolarmente in negativo: interpreta male dal punto di vista tattico la fase in cui l’Arsenal attacca la difesa schierata blaugrana (grande occasione per Van Persie smarcato da Fabregas, al termine di una lunghissima azione manovrata da un lato all’altro). Non aiuta a sufficienza terzino ed esterno di quella fascia, e poi quando l’azione si sposta in zona centrale si piazza alla stessa altezza di Xavi e Iniesta. Così, con un solo passaggio l’Arsenal supera una linea avversaria, e Van Persie può venire incontro e ricevere sulla trequarti.

· Wilshere & Koscielny, il punto debole dei gunners che permette al Barça di respirare. Azioni di riferimento: Wilshere, minuto 1:50 y 12; Koscielny, minuto 18. Koscielny concepisce soltanto l’anticipo sull’avversario che viene incontro al pallone.

Premesso che Wilshere e Koscielny sono stati due dei migliori in campo, fondamentali perchè l’Arsenal potesse giocare da pari a pari, hanno evidenziato anche alcune debolezze su cui il Barça ha fatto leva per creare ripetute occasioni anche nelle fasi in cui non aveva un completo controllo del gioco.

Di Wilshere parleremo più avanti, mentre per quanto riguarda Koscielny va sottolineato un aspetto molto curioso, addirittura bizzarro se ci si ferma all’azione del diciottesimo minuto. In questo momento Iniesta può dare il passaggio filtrante, Villa sta già scattando in profondità fra Djourou e Koscielny, ma nonostante ciò Koscielny accenna un movimento verso Xavi, che è l’uomo che potrebbe ricevere fra le linee. E questo avviene fino all’ultimo! Solo dopo che il passaggio di Iniesta è già partito Koscielny cerca di rimediare con la velocità, ma di fatto Djourou, il suo compagno al centro della difesa, non aveva alcuna copertura, e solo il cattivo controllo di Villa evita il peggio.

Questo per sottolineare come Koscielny sia ossessionato dall’idea di anticipare sulla trequarti, con i pro (ad esempio l’azione del minuto 12, davvero impressionante: capisce e intercetta un passaggio, ed esce palla al piede per rilanciare) e i contro che tutto ciò comporta (rischia tantissimo alle proprie spalle).

3. Analisi dal 15´ al 45´. Il Barcelona non impone completamente il suo gioco, ma trova comunque il modo di giocare meglio rispetto all’Arsenal:

- Due fatti collegati spezzano la continuità di gioco dell’Arsenal:

· Cambio di gioco di Xavi verso Alves, pressione del centrocampo dell’Arsenal aggirata. In campo rivale, rischio zero del Barça, passaggi sicuri, appoggi corti e un possesso prolungato per “sedare” l’Arsenal (Minuti di riferimento: 29´-35´).

· Villa e Messi fanno male ricevendo palla nello spazio fra le linee e alle spalle della difesa dell’Arsenal. Botta all’autostima della squadra di casa.

Conseguenze/cause individuali:

· Triangolo di centrocampo dell’Arsenal messo fuori gioco, senza palla soffre. Wilshere, punto debole. Azione di riferimento: Minuto 31.

Ecco il punto Wilshere. In questa fase succede che Xavi cambia un po’ la sua posizione, si abbassa per ricevere dai difensori, ma lo fa più sul centro-sinistra, allontanandosi da Wilshere. Da qui serve Alves, almeno 6-7 volte, con un cambio di gioco, libero di avanzare perchè Nasri stringe più centralmente per coprire. In questa fase, il Barça trova il modo di superare il pressing a centrocampo e stabilirsi nella metacampo avversaria. Wilshere va nel pallone. Perchè?

Perchè Wilshere si dimostra più portato per il pressing sulla mezzala avversaria. Finchè ha il riferimento per farlo, e cioè Xavi, si trova comodo in fase difensiva (parliamo dei primi 15’ analizzati prima). Quando però Xavi sparisce dal suo radar, è come se Wilshere si scollegasse dalla fase difensiva, non sapendo più che fare... resta in una posizione completamente inutile, non ha da pressare e non stringe per coprire alle spalle di Song quando l’azione lo richiede (minuto 31: il Barça passa con una triangolazione proprio in questo spazio)... poi gli costa adattarsi agli sviluppi del gioco e ripiegare per coprire lo spazio che lo separa dalla difesa. In questo modo il Barça, una volta lanciato Alves, può trovare anche Messi, pronto a ricevere fra le linee, fronte alla porta, per dare il passaggio filtrante.

In questa fase, Van Persie appoggiando il portatore di palla è l’unico a dare respiro all’Arsenal. Walcott non offre nessuna soluzione.

Van Persie agisce intelligentemente da centravanti portato più che a dare profondità a venire incontro, ricevere e permettere ai compagni di salire. Un altro giocatore su cui l’Arsenal contava per uscire dalla propria metacampo è Walcott, palla al piede, ma appare soltanto in contropiedi sporadici. L’unico contributo dell’inglese è il movimento senza palla in profondità che permette di tenere basso Maxwell e di aprire un po’ più di spazio a Van Persie per ricevere nelle zone intermedie alle spalle di Bsuquets.

· Busquets, crepa nella transizione difensiva culé. Azione di riferimento: Minuto 24.

Anche in una fase nella quale controlla, il Barça non elimina del tutto i rischi. Si segnala ancora una volta negativamente Busquets: parlavamo di contropiedi sporadici di Walcott, quello del 24’ è uno di questi. La colpa è di Busquets, che quando l’Arsenal sta uscendo dalla propria area per rilanciare non temporeggia e anzi azzarda il pressing scoprendo uno spazio enorme alle proprie spalle.

Wilshere ha già superato il primo pressing di Iniesta, ma nonostante ciò Busquets continua a correre in avanti: per Wilshere è un gioco da ragazzi eluderlo con un passaggio che lancia Walcott in una prateria generando un contropiede pericolosissimo. In più di un’occasione Busquets si mostra precipitoso, addirittura finendo a pressare più alto di Xavi e Iniesta anche quando le circostanze dell’azione non lo richiedono.


4. Cosa cercherà il Barcelona?

Il Barça ovviamente cercherà il possesso-palla, e lo avrà dalla sua, il punto è vedere come gestirà questo possesso. Se sarà particolarmente aggressivo, portato a verticalizzazioni frequenti (anche per sfruttare le imperfezioni evidenziate dall’Arsenal in queste situazioni), rischiando magari qualche sbilanciamento a palla persa, o se invece saranno fasi di possesso più prolungate, mirate a conquistare le posizioni giuste nella metacampo avversaria e scoraggiare sul nascere qualsiasi transizione offensiva dell’Arsenal. A far maturare il gol più che andarselo a prendere rabbiosamente. La consuetudine storica del Barça mi fa pensare più alla prima ipotesi.

5. Mascherano. Funzione, vantaggi e svantaggi.

La quasi certa assenza di Puyol significa quasi certa presenza di Mascherano come vertice basso del centrocampo, con l’arretramento di Busquets in difesa.

Rispetto a Busquets, Mascherano offre un’interpretazione migliore sia della transizione che della fase difensiva vera e propria. Quando il Barça perde palla, Mascherano sa distinguere meglio i momenti in cui andare subito in pressing da quelli in cui aspettare e riposizionarsi. In fase difensiva, un piazzamento quasi perfetto gli consente di vigilare lo spazio davanti alla difesa. In più, ha una propensione e una puntualità nelle coperture laterali sicuramente superiori a Busquets.

Senza Busquets a centrocampo però il Barça può perdere qualcosa in fluidità: i movimenti senza palla in appoggio, il gioco a un tocco si completano particolarmente con Xavi. Mascherano invece tende a muoversi poco davanti alla linea della palla, e quando ne entra in possesso non favorisce mai situazioni di superiorità.

6. Iniesta: vittima del cambio di posizione di Villa? Chi deve pesare di più?.

Nella presentazione della gara d’andata su Ecos del Balón avevamo parlato di come la posizione di Villa, in partenza (solo in partenza) largo a sinistra, potesse bloccare Eboue e, combinata con le sovrapposizioni di Maxwell, aprire spazio ad Iniesta, che si sa smarcare come pochi in quelle “terre di nessuno” fra terzino, esterno e centrali avversari.

La gara dell’Emirates però ha smentito tutte queste previsioni. Villa è partito centravanti, e assieme a Messi, qualche metro dietro accanto a lui, ha creato alcune occasioni chiarissime che potevano valere più di un gol, nonostante una partita per niente dominata dal Barça.

Questa verticale Messi-Villa, sfruttando la debolezza dell’asse Koscielny-Wilshere è risultata la mossa blaugrana di maggior successo, ma al tempo stesso ha un po’ ridimensionato il ruolo di Iniesta. Maxwell rimaneva l’unico vero uomo di fascia, e sia per le caratteristiche individuali del brasiliano che per il posizionamento collettivo del Barça, il sistema difensivo dell’Arsenal non si faceva trascinare granchè verso quel lato, diminuendo le possibilità per Iniesta di agire in spazi intermedi e inserirsi sulla trequarti. La partita di Andrés si è limitata più agli appoggi a Xavi e Busquets nella fase iniziale della manovra. Un Iniesta minore.

Tuttavia, non credo che si possa insistere su un dualismo fra lniesta e Villa. È Iniesta in primis che deve e può dare di più, cercandosi se possibile altri spazi dai quali incidere. Del resto, è una delle sue prerogative migliori.


7. Che cosa cercherà l’Arsenal?

L’Arsenal cercherà prima di tutto di impedire al Barça di sviluppare il suo gioco. Aspettando all’altezza del cerchio di centrocampo e pressando da lì (Xavi e Iniesta più che i difensori ). Lo ha fatto all’Emirates e lo ha fatto anche nel Messicidio della scorsa stagione al Camp Nou. Bisogna però vedere se può farlo meglio dell’andata, e cosa può fare, come vediamo nel punto successivo.

8. 2+1 (4-2-3-1 abituale) e 1+2 (4-1-4-1 del Camp Nou la scorsa stagione) a centrocampo.

La grande vulnerabilità difensiva dell’Arsenal all’andata nasce dalla difficoltà di Wilshere nel mantenere la concentrazione e nel prendere decisioni corrette quando il Barça prolungava il possesso-palla nella metacampo dell’Arsenal. L’altra vulnerabilità, strettamente collegata, nasce dal fatto che per difendere lo spazio alle spalle di Wilshere e Song l’Arsenal doveva sempre ricorrere all’uscita di un centrale dalla linea difensiva per cercare l’anticipo (vedi Koscielny), con il rischio che questo comporta, di esporre l’Arsenal alla verticalizzazione su Villa.

Cosa potrebbe fare Wenger per correggere questo scompenso? La partita dell’anno scorso fornisce un precedente che potrebbe risultare utile. Se si lasciano da parte le prodezze di Messi, si può vedere che l’Arsenal giocò con un 4-1-4-1. Potrebbe fare lo stesso quest’anno. Se all’Emirates ha giocato con un 4-2-3-1 nel quale però Cesc accompagnava spesso Van Persie nella prima linea del pressing, in questo caso si tratterebbe di rovesciare il triangolo di centrocampo. Togliere un uomo davanti per aggiungerlo a protezione della difesa, arretrando Cesc (sempre che giochi, sennò Diaby, o sennò mia nonna perchè altri sani non ne ha l’Arsenal) sulla stessa linea di Wilshere. In questo modo, una volta superato Wilshere, non sarebbe sempre obbligato a uscire dalla difesa un centrale e ci sarebbe un uomo in più a correggere gli eventuali squilibri anche di Koscielny rendendo un po’meno facili le verticalizzazioni al Barça. Questo può essere davvero un punto chiave della gara.

Data l’assenza di Song, giocherà Denilson, ancora più adattabile a questo ruolo davanti alla difesa: molto inferiore al camerunese, ma tatticamente discreto il brasiliano.

9. Assenze di Walcott e Van Persie:

- Ripercussioni.

La gara d’andata ha evidenziato una buona compatibilità fra i movimenti di Van Persie (incontro al portatore di palla) e Walcott (attacca lo spazio). Ora che i due sono assenti, l’Arsenal dovrà cercare la miglior combinazione di caratteristiche fra i possibili sostituti in modo da consentire una creazione efficace di spazi con un giocatore che possa aiutare il centrocampo a salire, e uno che minacci in profondità.

- Alternativa 1: Diaby sulla fascia e Bendtner di punta.

Bendtner è un giocatore con caratteristiche particolari: a dispetto della stazza non è una boa, ma un giocatore più portato a dettare la profondità. Sia quando parte da centravanti, con movimenti anche dal centro verso la fascia, sia quando si adatta a giocare da esterno, con i tagli dalla fascia verso il centro. Non è un giocatore su cui si possa contare in appoggio come il Van Persie dell’andata.

Diaby sulla carta offre molte possibilità: degli esterni disponibili è quello capace di coprire più campo, anche in ripiegamento su Alves, e poi di ripartire in maniera poderosa grazie al suo fisico, potendo sfruttare anche gli inserimenti. Però Diaby dipende molto dal proprio fisico, e le ultime partite dopo l’infortunio lo hanno visto piuttosto macchinoso.

- Alternativa 2: Arshavin en banda y Bendtner en punta.

Arshavin è uno dei tre giocatori più talentuosi della rosa (con Cesc e Wilshere), ma sta giocando una brutta stagione. Nonostante il gol decisivo all’andata, un suo impiego presenta molti possibili rischi. Alves potrebbe avere molto campo quando attacca, poi la stessa continuità di Arshavin nella fase di rilancio, appena recuperata palla, è tutta da verificare (molto più solido da questo punto di vista Nasri, che ha sia l’uno contro uno nei metri finali che l’appoggio ai centrocampisti nei disimpegni. Se però gioca a destra Nasri vede ridotto la sua funzione soprattutto al dribbling dalla trequarti, perchè essendo destro non ha l’angolo giusto per rientrare sul suo piede preferito, dare passaggi e contribuire a organizzare il gioco). Il russo sembra entrare in scena solo quando l’Arsenal elabora lunghe azioni sulla trequarti: allora Arshavin si dimostra l’uomo meno di fascia fra tutte le possibili opzioni, visto quanto gli piace smarcarsi in diagonale, accentrarsi e rimanere lì fin quasi a sostare sulla fascia opposta. Questa situazione si verifica però quando l’Arsenal gioca contro squadre tutte schierate sulla difensiva: al Camp Nou invece i Gunners dovranno mettere in conto molti minuti senza avere il possesso del pallone, e qui rischiano di spiccare maggiormente le carenze di Arshavin. Se però la partita si “rompe” e il russo entra a partita in corso, è uno di quelli che possono fare la differenza.

- Alternativa 3: Bendtner sulla fascia e Chamakh di punta.

Questa è la soluzione che teoricamente si avvicina di più come movimenti al Van Persie-Walcott dell’andata. Bendtner come detto è un giocatore più portato ad attaccare lo spazio, a Chamakh invece piace venire incontro. Bendtner può anche mettere in difficoltà Maxwell sui cross dalla fascia opposta; Chamakh però non sembra l’opzione più competitiva. In generale personalmente ritengo questa l’opzione meno probabile.

Etichette: , , ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home