lunedì, marzo 12, 2007

VENTISEIESIMA GIORNATA: ALTRE PARTITE.

Cliccate sulla partita, e avrete le azioni salienti. Se volete vedere solo i gol, cliccate sui marcatori.
Ho aggiunto una mia personale classifica dei gol più belli della giornata: se volete, dite pure la vostra sul gol che vi è piaciuto di più.

Nàstic-Sevilla 1-0: Portillo 76'.

Osasuna-Valencia 1-1: Puñal, rig. 34' (O); Morientes 92' (V).

Celta-Athletic Bilbao 1-1: Angel 35' (C); Aduriz 69' (A).

Betis-Zaragoza 1-1: Diego Milito 22' (Z); Assunçao, rig. 45' (B).

Getafe-Recreativo 1-1: Uche 3' (R); Güiza 23' (G).

Racing-Espanyol 1-1: Riera 6' (E); Garay, rig. 9' (R).

Atlético Madrid-Deportivo 2-0: Galletti 1'; Mista 84'.

Real Sociedad-Mallorca 3-1: Savio 26' (R); Ibagaza 38' (M); Kovacevic 44' (R); Xabi Prieto 95' (R).

Levante-Villarreal 0-2 (giocata sabato): Forlan 9'; Tomasson 72'.


I 3 gol più belli (a mio sindacabile giudizio):
1) Xabi Prieto (artista lunatico, quanto ci fai penare!)
2) Forlan (alza la testa, prendi la mira e il gioco è fatto)
3) Ibagaza (la classe è classe, punto)


Lo spettacolo lascia a desiderare, ma la competitività di questa Liga (complici i sonnellini del Barça) è davvero pazzesca. Altra impresa di un Nàstic (ancora Porti-gol) che ci invoglia sempre di più a fare il tifo per una sua rimonta che avrebbe del leggendario, il Sevilla scivola ancora sul più bello. Come nello 0-0 di Santander, come nell' 1-2 casalingo col Mallorca. Una volta in testa, e quando l' occasione sembra davvero irripetibile, non dà il balzo decisivo. Quando rimonta in 10 contro il Barça e sembra pronto per il massimo traguardo, ci smentisce sonoramente.
Per il Valencia più che due punti persi uno guadagnato, visto l' andazzo della partita di ieri. Stavolta è lui a beffare all' ultimo minuto l' avversario, al termine di una partita davvero scialba sotto gli occhi di Mourinho (che avrà scritto sul taccuino?). Almeno Joaquin ha giocato un' altra buona partita, teniamoci questo. Osasuna molto solido che paga caro forse l' unica disattenzione di tutta la sua partita.
Tutt' altro che bello l' Atlético, ma discretamente convincente per come ha gestito e chiuso il match, beneficiando comunque della risaputa sterilità offensiva del Depor. Fischiatissimo il cambio Mista-Jurado (ottima partita, cresce a vista d' occhio il chaval), ma Aguirre dimostra di aver ragione mettendo sotto controllo il centrocampo (dove l' ingresso fra gli ospiti di Verdù tava un po' smuovendo le cose) per poi chiudere il conto con Mista, altro cambio in corsa al posto di uno spento Aguero. Interessante l' esordio al centro della difesa (in coppia con Zé Castro, sia Perea che Pablo erano assenti) del campione del mondo di club Fabiano Eller, eccellente la prestazione di Galletti, che sta facendo ricredere chi, me per primo, non lo ritenevano granchè all' altezza.
Il Zaragoza fallisce l' aggancio al Real Madrid (e alla prossima c'è Zaragoza-Atlético, sfida che ci dirà parecchio), ma il pareggio fra Recreativo e Getafe, le due grandi rivelazioni di questa Liga, lascia un buon cuscinetto a disposizione sia degli aragonesi che dei colchoneros.
Prevale la paura nello scontro diretto fra Celta e Athletic, mentre il Levante come da copione continua la sua discesa. Dopo uno stra-dominio iniziale del Villarreal (tre occasioni nitide-nitide più l' ormai abituale golazo di Forlan), i padroni di casa ce la mettono tutta, meriterebbero anche il gol, ma vengono infine sopraffatti dalla propria modestia (oltre che da un arbitraggio che li pregiudica parecchio) e dal raddoppio di Tomasson, carta importantissima per il Villarreal nel suo tentativo di riportarsi nella zona-coppe, così come Matias Fernandez, che sta cominciando a integrarsi al meglio e che ispira entrambe le azioni dei gol (eccellente l' assist del secondo gol, guardando dall' altra parte come Miki Laudrup).
Campane a festa per la terza vittoria della Real Sociedad in questa Liga e bottiglia di champagne stappata per il ritorno al gol di Kovacevic, che non segnava dall' Ottobre 2005 (di mezzo c'è stato anche un lungo infortunio, ad essere precisi.


CLASSIFICA
1 Barcelona 50
2 Sevilla 50
3 Valencia 47
4 Real Madrid 45
5 Zaragoza 43
6 Atlético 43
7 Recreativo 41
8 Getafe 38
9 Espanyol 37
10 Racing 37
11 Villarreal 36
12 Deportivo 33
13 Osasuna 31
14 Betis 31
15 Mallorca 29
16 Celta 27
17 Levante 27
18 Athletic 26
19 Gimnàstic 20
20 R. Sociedad 17


CLASSIFICA CANNONIERI
1 Kanouté 18
2 Ronaldinho 17
3 Diego Milito 17
4 Van Nistelrooy 14
5 Morientes 11

Etichette:

8 Comments:

Blogger Vito Corleone said...

La lotta per non andare a la "segunda división" é incredibile e sará ancora piu forte.

Anche in testa le cose stanno parecchie,e penso che le prossime 3 giornate continuerano cosí,ma dopo espero e penso,che se non abbiamo infortuni importanti,"los culés" ci escapiamo in testa.

Un saluto.

8:18 PM  
Anonymous Anonimo said...

ma l'Atletico Madrid ultimamente non starà vincendo un po' troppe partite in casa? :)

marco

1:07 PM  
Blogger valentino tola said...

Sì, però ora perde fuori casa...

A parte gli scherzi, la posizione dell' Atlético mi sembra ottima, la migliore possibile quest' anno. Leggere che la società pretende la Champions e metta pressione ad Aguirre su questo mi sembra un grave errore. Ricominciare tutto da capo l' anno prossimo sarebbe da stupidi.
Per l' anno prossimo manterrei il blocco di quest' anno, col grande Aguirre libero di lavorare come gli piace e con un paio di ritocchi. Un centrocampista di qualità da affiancare a Luccin (Borja Oubina del Celta sarebbe l' ideale), e un' ala, a destra o a sinistra (Jonas Gutiérrez del Mallorca potrebbe essere una buona trovata, se l' operazione Quaresma resterà una bufala).
In uscita, proverei a monetizzare da una cessione del sopravvalutato Petrov e magari di un difensore centrale, visto che ora ce ne sono 4 e tutti di buon livello (Perea, Fabiano Eller, Zé Castro, Pablo).

Il mio Atlético 2007/2008 (4-4-2):
Leo Franco; Seitaridis, Perea, Eller, Antonio Lopez; Maxi Rodriguez (Jonas), Oubina, Jurado, Quaresma; Torres, Aguero.
Aguirre però difficilmente schiererebbe Jurado al centro, e al Luccin di quest' anno difficilmente si può rinunciare.
Comunque, la Liga avrebbe bisogno di un Atlético ai massimi livelli, e ritengo Aguirre un tecnico all' altezza del compito.

1:44 PM  
Blogger carlo said...

Jonas Gutierrez, ex Velez, me gusta.
Ciao, Carlo

10:53 PM  
Blogger valentino tola said...

Ciao Carlo,
Jonas sta disputando una Liga eccellente. L' anno scorso lampi interessanti, ma era un po' dispersivo, quest' anno, soprattutto in quest' ultimo mese e mezzo, ha trovato una buona continuità, tant' è che Basile lo ha chiamato con la Francia. Nelle giornate sì, ha un passo davvero difficile da contenere.

A propisto di Velez: a parte Mauro Zarate, che è una mia grande passione, come se la sta cavando Escudero? Mi sembra un giocatore davvero interessante.

12:01 AM  
Anonymous Anonimo said...

Dopo aver visto il match di ieri sera in Libertadores contro l'Inter penso che Lavolpe sia sulla buona strada per trovare la formula adeguata per Escudero, sul centrosinistra con l'appoggio di un attaccante e i continui inserimenti di Papa. Da seguire con attenzione

Carlo

10:18 AM  
Anonymous Anonimo said...

Gutierrez è un fenomeno. lo avrei voluto al Barca quando giocava nel Velez dove davvero ha vitno un campionato quasi da solo. non mi capacitavo della sua mancata esplosione in spagna. dai tempo al tempo.
KUBALA

12:08 PM  
Blogger valentino tola said...

Io in Argentina non lo avevo visto (oppure l' ho visto poco e non ci ho fatto troppo caso, capita), l' ho apprezzato nella Liga. A Montjuic ha fatto una partita pazzesca, nell' azione del gol di Jankovic si è portato a guinzaglio il difensore.
Spero di poterlo rivedere presto in azione, purtroppo il Mallorca è una delle squadre meno trasmesse. Una squadra con elementi di livello come Jonas, Ibagaza, Arango, Jankovic, Basinas, ma anche Fernando Navarro e Nunes. Peccato gli manchi un attacco prolifico.

1:47 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home