martedì, dicembre 25, 2007

DICIASSETTESIMA GIORNATA: ALTRE PARTITE.

Almeria-Getafe 0-2 (giocata sabato): Licht 37'; De la Red 85'.
Atlético Madrid-Espanyol 1-2: Simao 37' (A); Tamudo 52' (E); Luis García 85' (E).
Villarreal-Recreativo 1-1: Camuñas 37' (R); Nihat 38' (V).
Levante-Deportivo 0-1: Sergio, rig. 85'.
Osasuna-Mallorca 3-1: Héctor Font 8' (O); Plasil 46' (O); Güiza 48' (M); Hugo Viana 93' (O).
Valladolid-Betis 0-0

Pesantissima vittoria dell’ Espanyol al Calderon e sorpasso non solo ai danni dell’ Atlético ma anche del Villarreal fermato in casa dal Recreativo (tre pali e una grande prova di Sorrentino, uno dei migliori portieri della Liga l’ italiano): il terzo posto varrebbe la Champions, e il Barça ora è distante solo un punto!
Anche se la sfida con l’ Atlético è stata inevitabilmente segnata dalle due espulsioni ad Aguero (reazione sciocca e rosso diretto) e Pernia (seconda ammonizione inesistente, un disastro Fernandez Borbalan che non ha visto nemmeno un rigore macroscopico per l’ Espanyol nel primo tempo, quando Raul Garcia ha fatto il pallavolista in mezzo alla sua area), globalmente l’ Espanyol merita questo sorpasso sui colchoneros perché superiore per affiatamento e minuziosa organizzazione di gioco rispetto a un Atlético troppo lunatico e legato agli estri dei singoli.
Con l’ Espanyol sotto di un gol ma sopra di due uomini, tutto riverso nella metacampo altrui, è questione soltanto di aspettare che si apra il varco giusto nella retroguardia dell' Atlético: in tale contesto, è decisivo l’ ingresso di quel genio di De La Peña, con la sua inimitabile capacità di inventare il passaggio smarcante, creando spazi che per altri ingegni nemmeno esistono. “Lo Pelat” è il mandante, Luis Garcia il sicario.
Se si eccettua il derelitto Levante, che riesce a perdere anche quando l’ avversario è modesto e gioca male, si sta creando una situazione intricatissima in zona-salvezza: la quota si è fatta piuttosto alta, e dal Zaragoza in poi son tutte coinvolte: il Mallorca che sembrava tranquillissimo, il Getafe che gioca bene e vince d’ autorità sul campo di un Almeria nell’ occasione pessimo (ancora in evidenza però Negredo, che sfiora un gol da antologia in mezza rovesciata), l’ Athletic e anche Betis e Valladolid, protagoniste di uno scialbo 0-0.


CLASSIFICA
1 R. Madrid 41
2 Barcelona 34
3 Espanyol 33
4 Villarreal 32
5 Atlético 31
6 Racing 26
7 Valencia 26
8 Sevilla 23
9 Zaragoza 21
10 Mallorca 21
11 Getafe 21
12 Osasuna 20
13 Recreativo 20
14 Athletic 19
15 Almería 19
16 Murcia 19
17 Valladolid 18
18 Betis 18
19 Deportivo 17
20 Levante 7

CLASSIFICA MARCATORI
Luis Fabiano 10 (1 rig.)
Diego Milito 9 (4 rig.)
Raúl 8 (1 rig.)
Tamudo 8 (2 rig.)
Kanouté 8

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Cazorla (Villareal) e Gabi (Zaragoza): che mi dici di questi giocatori, Vale?

e poi la questione "nazionale" di Bojan Krkic: in Serbia dicono d'avere qualche buona carta da giocare, per fargli vestire la maglia degli ex "plavi";
in Spagna immagino siano convinti del contrario;
tu che notizie hai?

marco

9:39 PM  
Anonymous Anonimo said...

vale, mi dai un po di notizie di mercato riguardanti machester united??????

11:16 AM  
Blogger valentino tola said...

@ Marco
Cazorla, 23 anni, si sta confermando ottimo giocatore dopo la grande stagione in prestito al Recre l' anno scorso. Classico piccoletto (1,68x66) dal baricentro basso, rapido sul breve e abile nello stretto, può giocare esterno indifferentemente sulle due fasce, avendo dalla sua il fatto di essere praticamente ambidestro (è destro naturale, ma rientra indifferentemente sui due piedi per il cross e la conclusione: le sue traiettorie non sono particolarmente potenti, ma spesso hanno effetti velenosi), che per un giocatore di fascia è un vantaggio enorme. Tuttavia Cazorla non dispone della potenza di un Joaquin o della velocità di Cristiano Ronaldo per andare via di slancio all' uomo, è un giocatore da distanze corte, e pur partendo dalla fascia, preferisce quasi sempre cercare il taglio verso il centro (un tema del quale abusava Marcelino al Recre e che è uno dei cardini della manovra offensiva di Pellegrini, che non vuole esterni a presidiare stabilmente le corsie laterali, bensì giocatori che occupino in corsa questi spazi a seconda degli sviluppi del gioco, per dare meno punti di riferimento all' avversario: gli esterni del Villarreal sono mezzepunte che lasciano la fascia perlopiù ai terzini), motivo per cui una sua eventuale convocazione in nazionale, che in assoluto non demeriterebbe, non risolverebbe i problemi di ampiezza che la manovra della Seleccion tende ad accusare.

Gabi, per quanto mi riguarda, è una grandissima delusione: a 24 anni, non sta per niente mantenendo quelle attese che la splendida stagione al Getafe nel 2004-2005 aveva suscitato. Tornato alla casa madre dell' Atlético, in due anni non ha combinato nulla, affondato nel grigiore più totale per via di palesi lacune di personalità che gli hanno impedito di esprimere il suo buon potenziale. Quest' estate credo che il Zaragoza abbia fatto bene a tentare l' operazione-rilancio, ma il giocatore al momento è infortunato, e fino ad ora il suo rendimento è stato insufficiente, se si eccettua un' eccellente prestazione a San Mames.
Peccato per i limiti di personalità, perchè avrebbe le carte in regola per essere un buon centrocampista: è una mezzala in un centrocampo a tre centrali o comunque il centrocampista centrale di maggior propensione offensiva in un 4-4-2, non è veloce nè particolarmente prestante ma ha resistenza e continuità d' azione, buone doti di palleggio e visione di gioco, sa leggere discretamente l' azione, giocando in pochi tocchi e scegliendo il momento giusto per inserirsi e tentare la botta da fuori.
Tutte doti che però restano sulla carta se non c'è una maturità che le possa sostenere e valorizzare.

A quanto so Bojan pare propendere per la nazionale spagnola, anche perchè è nato e ha vissuto sempre in Spagna (tra l' altro in questi giorni è stato convocato pure dalla selezione catalana per l' amichevole coi Paesi Baschi di sabato). Aragonés inoltre avrebbe pure l' intenzione di convocarlo per una delle amichevoli di Febbraio e Marzo contro Italia e Francia (per provarlo e al tempo stesso "bloccarlo" di fronte ai tentativi serbi), anche se è al momento da escludere una sua convocazione per l' Europeo, dato che il giocatore è ancora piuttosto acerbo.

@ anonimo
Non credo debbano acquistare nessuno.

4:18 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home