lunedì, ottobre 20, 2008

SETTIMA GIORNATA: ALTRE PARTITE.

Valencia-Numancia 4-0: Villa 3’; Mata 73’; Vicente 83’; Villa 88’.


Betis-Mallorca 3-0: Damiá 1’; Pavone 43’; Emaná 83’.


Racing-Deportivo 0-0


Sporting-Osasuna 2-1: Carmelo 11’ (S); Ezquerro 14’ (O); Bilic, rig. (S).


Málaga-Getafe 2-1: Soldado 9’ (G); Baha 31’ (M); Duda 38’ (M).


Valladolid-Recreativo 1-1: Ruben 44’ (R); Víctor 91’ (V).


Zitto zitto, Unai Emery ha già eguagliato il ruolino (un pareggio e sei vittorie) di Benitez nelle prime sette giornate della Liga 2003-2004, per chi non se lo ricordasse vinta dal Valencia. Mantiene quel basso profilo che lo ha portato a ricostruire il morale e l' identità di questa squadra, dice che la notizia migliore è che la sua squadra ancora può migliorare molto perchè "ancora gioca troppo a sprazzi" (che è verissimo), ma intanto mette fieno in cascina e il Valencia prosegue un circolo virtuoso che, di vittoria in vittoria, può solo agevolare il processo di perfezionamento del proprio gioco. Ovviamente non erano granchè in discussione questi tre punti contro la squadra più debole della Liga, anche se il risultato è esagerato nei confronti di un Numancia che ha cercato di giocarsela fino all' ultimo quarto di partita. Strappano applausi i soliti noti, Villa la macchina da gol e Mata, che a proposito di perfezionamento, fa costanti passi da gigante, ogni giorno è un giocatore sempre migliore.

Il resto della giornata offre la terza vittoria consecutiva di un Málaga che comincia davvero a sorprendere (mentre il Getafe di Victor Muñoz stenta a raccogliere consensi); un pareggio scialbo fra il Racing (solo due punti in casa finora, e il pubblico del Sardinero comincia a spazientirsi per il gioco modesto) e il Depor, anche se con un legno per parte (Luccin, poi espulso a fine partita, per i padroni di casa; Juan Rodríguez per i galiziani); il Betis che finalmente trova i tre punti dopo aver perso a testa alta negli scontri con le big (show di Mehmet Aurelio).

Panoramica sulle due squadre che hanno cambiato allenatore: il Recre di Alcaraz si morde le mani, perchè sciupa più volte lo 0-2 sul campo di un Valladolid in un momento piuttosto difficile ma che riesce a salvare le penne all' ultimo con Victor; l' Osasuna perde ancora e ancora recrimina per l' arbitraggio: dopo la severissima espulsione di Plasil la scorsa giornata col Racing, un altro cartellino rosso molto discutibile mostrato a fine primo tempo a Roversio per un fallo altrettanto dubbio su Bilic che frutta il rigore del 2-1 sportinguista trasformato dallo stesso Bilic. Da segnalare l' utilizzo delle due punte (Portillo e Sola, questi colpirà anche una traversa nella ripresa) da parte di Camacho, come invocato da molti tifosi dell' Osasuna critici verso le ristrettezze di Ziganda.


CLASSIFICA

1 Valencia 19

2 Sevilla 17

3 Villarreal 17

4 Barcelona 16

5 R. Madrid 16

6 Almería 11

7 Málaga 10

8 Atlético 9

9 Getafe 9

10 Espanyol 9

11 Deportivo 9

12 Mallorca 8

13 Valladolid 7

14 Racing 6

15 Sporting 6

16 Betis 5

17 Athletic 5

18 Recreativo 5

19 Osasuna 4

20 Numancia 4


CLASSIFICA MARCATORI

Villa 8 (Valencia)

Etoo 6 (1 rig., Barcelona)

Negredo 5 (Almería)

Messi 5 (2 rig., Barcelona)

Raúl 4 (Real Madrid)

Etichette:

16 Comments:

Blogger madrid7 said...

Valentino scusa se parlo di una cosa non inerente al campionato, ma stasera sono furioso per la sconfitta contro la Juventus.
Prima che tu annienti i giocatori in campo, parliamo del vero artefice di questa sconfitta:il simpatico cannarolo Bernd Schuster.
Debbo dire che quando era un calciatore era uno scansafatiche di gran talento, oggi è uno che si affida troppo alle cavolate tipo gli equilibri tattici.
Il Madrid non li ha mai avuti, eppure ha vinto 9 volte la Coppa dei Campioni.
allora, parlando di stasera:
1Heinze al posto di Marcelo:
Marcelo è stato il migliore in campo con l'Atletico ed invece Schuster gli ha preferito quella mezzasega di Heinze, gioà decisivo l'anno scorso con la Roma e che si è ripetuto sul secondo goal della Juve (Iker era NETTAMENTE sulla traiettoria)
Inutile citare l'assist per il goal, frutto di un unico cross decente su 35 tentativi.
2Sapevo che Higuain non avrebbe combinato nulla contro la Juve, era matematico.
Abituato come è al calcio spagnolo, le problematiche che una squadra come la Juve gli offre sono completamente diverse (il tipo di marcatura, gli spazi)
Lui in Europa ha giocato pochissimo
e quindi a soli 21 anni questo tipo di partita non lo ha mai giocato.
3Non capisco perchè nel primo tempo, Raùl faceva il centravanti e Ruud l'ala sinistra, cioè Ruud ha + potenza fisica, perciò in mezzo ai 2 centrali della Juve avrebbe fatto meglio, mentre Raùl non sarebbe stato spalle alla porta (Raùl peraltro è stato pessimo, anche sul colpo di testa invece di tirare ha passato a Ruud marcato, ma lui è Raùl non una checca isterica qualunque quindi deve, DEVE tirare in porta e pensare a segnare altrimenti panca come con lo Zenit)ed avrebbe potuto inserirsi da dietro.
4In generale, non ho capito come Schuster pensasse di svolgere la partita, avendo come unico sbocco sulle fasce Sergio Ramos che però doveva occuparsi di Nedved mentre dall'altra parte ha messo Heinze perchè aveva paura di Marchionni....
5Io credo che oggi per la prima volta nella stagione si sia sentita la mancanza di Robinho, non c'era nessuno che allargasse e saltasse l'uomo.
Sono molto deluso, pensavo che la lezione contro la Roma fosse bastata, oggi invece abbiamo fatto una partita da BrokeBack Mountain...

1:33 AM  
Blogger valentino tola said...

In attesa di scrivere un post di riepilogo sulla giornata di Champions, dico che il Real Madrid ieri mi ha deluso fino al 2-0, davvero troppo molle e privo di idee, mentre credo che sotto di due gol abbia reagito a bene, con alcuni momenti impressionanti. Però qui vengo al punto: non capisco perchè questa squadra debba prendere gli schiaffi prima di mettersi a giocare o, all' inverso, debba togliere il piede dall' acceleratore dopo essere partita bene (vedi il Betis e il derby)... sono due costanti queste.

Il mio giudizio globale su Schuster col tempo è diventato positivo, ma non certo per ieri: quelle mosse che dici tu non le ho capite nemmeno io. Non condivido un' applicazione meccanica del turnover che prescinda dalle caratteristiche del match. Feci lo stesso discorso per quanto riguardò le scelte di Pellegrini a Old Trafford.
Non è che se Marcelo ha già giocato sabato la partita dopo la debba giocare per forza Heinze, soprattutto se Marcelo è chiaramente più adatto al tipo di partita che tutti si aspettavano (e cioè con la Juve tutta dietro) e soprattutto se la percentuale di partite in cui Heinze può servire da terzino si riduce a un 10% scarso (ossia, la trasferta al Camp Nou, quella di San Pietroburgo e poco altro). Il Real Madrid ha giocato senza fascia sinistra per gran parte del match, ma oltre alle scelte dell' allenatore ci aggiungerei anche un problema di ridotta mobilità generale che mi è parso evidente fino al gol di Amauri (addirittura persino Sneijder mi è parso bloccato prima del 2-0).
Io a differenza tua non me l' aspettavo proprio la partitaccia di Higuain, una vera, enorme, clamorosa delusione per il sottoscritto ieri sera. Il Pipita non è solo giocatore da contropiede e spazi in verticale, è uno bravo anche a muoversi senza palla a ridosso della prima punta e a giocare di prima... però ieri nulla di nulla, un peso morto, non si è offerto una volta, ha completamente annullato quel possibile vantaggio che il Real Madrid avrebbe potuto avere fra le linee con i movimenti suoi e di Van der Vaart (e ci ha messo del suo anche Schuster, che allargando Van Nistelrooy ha fatto mancare anche una sponda credibile per questi movimenti).
Molto deludente anche Ramos, non ha dato nemmeno un minimo di profondità.

3:15 PM  
Anonymous Anonimo said...

io ho visto anche un Gago mediocre (molto meglio Sissoko); bene Robben, quando è entrato ha dato una svolta

markovic

5:13 PM  
Anonymous Manuel said...

A quanto pare la cura emery sta funzionando...comunque devono tenere i piedi per terra,"basso profilo" pienamente d'accordo con te,per ora ci sono almeno tre squadre (barca,siviglia e real) da considerare superiori in prospettiva di una vittoria finale,certo che se si continua così,e se emery riesce pure a dare un gioco a quella squadra che è dai tempi di benitez che non ne ha manco l'ombra meriterebbe un monumento.

Mata ha grandi qualità,questo può essere l'anno della sua conferma,e magari guadagnarsi un posto per il sudafrica.

Ciao

Manuel.

10:03 AM  
Blogger Massimiliano Mogavero said...

Sono rimasto anche io molto sorpreso dalle scelte di Schuster. Io per questa partita avrei puntato molto su Robben. Schierarlo sulla destra sarebbe stata la chiave di volta visto che si sarebbe trovato di fronte Molinaro che di sicuro non è il miglior terzino del mondo. Non capisco che ci si possa ostinare a far giocare Heinze, giocatore molto sopravvalutato. Van Nistelrooy largo a sinistra è una follia. Un'attaccante di razza come lui deve stare nel cuore dell'area di rigore. Di positivo ho visto molto bene Sneijder, gran classe e ha davvero un ottimo tiro.

10:30 AM  
Blogger valentino tola said...

Chiedo scusa a tutti ma non ce l'ho fatta a preparare il post sulla giornata di Champions, ieri non ho avuto tempo, e a questo punto è tardi.

@ Markovic
Gago nulla di che, come al solito purtroppo. Molto meglio la prova di Sissoko che, detto tra parentesi, il sottoscritto non considera un giocatore di calcio.

@ Manuel
Ciao,
sia Emery che il suo vice hanno detto che questa squadra deve ancora migliorare la fase di possesso a difesa avversaria schierata: qualche piccolo segnale si è visto in alcune partite, ma c'è ancora parecchio da lavorare perchè ad esempio in trasferta il Valencia ha ottenuto la bellezza di nove punti senza giocare a calcio. Comunque sono abbastanza ottimista: c'è serenità per lavorare e perfezionare questi aspetti.

Mata sarebbe già andato in nazionale, solo che Del Bosque nell' ultima occasione lo ha voluto "prestare" all' Under 21 per lo spareggio con la Svizzera, come Bojan.
Indubbio che Mata la strameriti: pur non essendo l' esterno in grado di allargare il gioco che cercherebbe Del Bosque, aggiungerebbe gol dal centrocampo, perchè è uno che la porta la vede e la "sente" come pochi.

10:30 AM  
Blogger valentino tola said...

@ Massimiliano
Condivido le tue considerazioni sulla formazione. Heinze in assoluto lo reputo un buon giocatore, però non ha le caratteristiche per fare il terzino in una squadra come il Real Madrid. Va bene come rincalzo per i centrali.

10:43 AM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Ciao Vale, hai visto la sfida fra CSKA e Depor giocata ieri? Dzagoev (che comunque tutto è fuorchè un 'nuovo Becks'...vero marca?) se continua così può diventare veramente un grandissimo, questa sua prima stagione tra i grandi è stato da assoluto fenomeno, un predestinato che appena maggiorenne ha fatto rinascere una squadra che era in crisi e che allo stato attuale, considerando il momento 'particolare' che sta vivendo lo Zenit, è la migliore formazione russa. Gara sontuosa anche per il sottovalutatissimo Vagner Love, Zhirkov ha dato spettacolo invece nella ripresa.
Credo che con un forte e rapido difensore centrale da affiancare ad Ignashevich ed un completo centrocampista centrale (si parla di trattativa già avviata per il tuo pupillo Hernanes) il CSKA, ancora da rivedere in fase di non possesso, possa diventare veramente una grande squadra.

PS: l'hai visto lo schema su calcio di punizione? Fantastico!

Ah, che delusione l'eliminazione dello Zenit...una delle più immeritate nella storia della Champions League, contro il BATE si è superato veramente il limite...

2:45 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Kerzhakov
No, la partita non l'ho vista perchè son tornato a casa più tardi e allora ho ripiegato su Udinese-Tottenham registrata (che pianto il Tottenham... ma a Juande, pardon Giuda Ramos gli sta anche bene...).
Mi dispiace per il Depor ma ancora di più per il Racing che ieri ha perso in casa del Twente la gara meno difficile del suo complicato girone, e in generale è in un pessimo momento di gioco (Muniz mi sa che rischia... poi per la gara di ieri non ha convocato nemmeno Pereira per preservarlo per la Liga... mah!).

Dzagoev mi incanta, ultimamente guardo con molta attenzione il palinsesto di Sky proprio per vedere se ci sono gare del CSKA con lui impegnato (anche se poi nove volte su dieci finisce che non riesco a vederle...).
Non è normale, ha l' intuito del giocatore superiore, e stavo pensando proprio di suggerirti per il tuo blog un articolo su di lui.

Bellissimo lo schema sulla punizione, Hernanes mi piace molto anche se forse non al punto da definirlo un mio pupillo. Ha un dribbling e un gioco di gambe molto rapido sul breve ed è praticamente ambidestro, però oltre che portare palla e andare in azione individuale, cosa che gli riesce molto bene, sa dettare i tempi in mezzo al campo. Peraltro ha un dinamismo e un' intensità di gioco che ritengo piuttosto adatte al calcio europeo. Può giocare mezzala in un centrocampo con tre centrali oppure centrale in un doble pivote, oltre che avere le caratteristiche per fare il trequartista. Dovendo scegliere, meglio la prima opzione, da mezzala.
Al CSKA ci starebbe come il cacio sui maccheroni, visto che adesso c'è la coppia Aldonin-Semberas, due doppioni. Manco a parlare poi del salto di qualità rispetto a Dudu Cearense (un mio "s-pupillo").

Ho visto lo Zenit: solita valanga di occasioni sprecate e di mezze-occasioni non finalizzate, però devo dire anche che, considerando l' avversario, la prestazione dello Zenit non mi è piaciuta granchè stavolta. A palla persa si son presi dei contropiedi che sembravano quasi lo Shakhtar Donetsk della scorsa Champions, e hanno commesso ingenuità per le quali la sfortuna c'entra poco. Per certi versi lo Zenit mi sta ricordando la Costa d'Avorio dell' ultimo Mondiale.

7:48 PM  
Blogger madrid7 said...

@Kerzhakov91
Anche io ho visto la partita dello Zenit, mi puoi cortesemente spiegare la scelta di Advocaat di tenere in panca Pobernyak in una gara in cui aveva sostanzialmente dogmi da rispettare ovvero:
ATTACK!
ATTACK!
ATTACK!
Oltretutto quel turco dalla pettinatura improponibile di Tekke che avrà pure segnato, ma si è mangiato una caterva di goal sullo 0-0 che avrebbe cambiato la partita.
Dispiace anche a me per lo Zenit, volevo qualcosa di nuovo ed interessante nel panorama calcistico europeo ed invece niente...
E comunque non si capisce come faccia la Juve a stare prima nel girone, ovvero io ho visto tutte e 3 le sue partite e non ha in nessuna delle 3 dato l'idea di superiorità nei confronti degli avversari, oltretutto sono passati 3 giorni e già non sopporto + gli sfottò di familiari ed amici.
L'altro giorno mi sono scaricato ed ho visto il secondo tempo di Real Madrid-Borussia Monchengladbach 4-0 dell' '85-86 quella in cui rimontò dall'1-5 dell'andata, spero di vedere una partita simile frà 2 settimane

8:19 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Sono d'accordo sulla tua valutazione della gara dello Zenit, bisogna anche dire però che la maggior parte dei giocatori hanno già nelle gambe una cinquantina abbondante di partite, ci sta che non siano brillantissimi in entrambe le fasi di gioco (inoltre proprio questo assoluto bisogno di vittoria ha fatto sì che la squadra si sbilanciasse eccessivamente praticamente in ogni sua azione).


L'articolo su Dzagoev (con tanto di video realizzato dal sottoscritto) lo pubblicherò a breve su tmw, però preferirei aspettare la fine della stagione russa, per far sì che possa aggiungere qualche eventuale golazo alla compilation.

Su Hernanes: mi sembrava l'avessi una volta tu stesso definito un tuo 'pupillo', ma poco importa, dato che mi pare di aver capito che il giocatore è di tuo gradimento lo stesso. Comunque in questi ultimi mesi il centrocampista titolare al fianco di Aldonin/Semberas è stato il 19enne Mamaev, altra grande speranza del calcio russo.


PS: l'avevo pronosticata una stagione difficilissima per il Racing: in UEFA per me faranno ben poca strada e, cosa ben più grave, in campionato soffriranno tremendamente.

8:44 PM  
Blogger Antonio Giusto said...

Vedo che anche qui si parla di Dzagoev, che sta venendo su una meraviglia. Sottoscrivo le tue parole, Valentino: la prima volta che l'ho visto non mi pareva vero che avesse 18 anni, e infatti corsi subito a chiedere notizie su quel progetto di fuoriclasse a Kerzha. Da allora sono passati tre mesi e Dzagoev non si è più fermato, che giocatore fantastico!

1:55 PM  
Anonymous Hincha Madridista said...

Per quanto riguarda la partita di Coppa, devo dire che il pari sarebbe stato il risultato migliore. Non condivido la critica di madrid a Schuster: avrà anche sbagliato alcune scelte (per esempio van gol esterno d'attacco, nella ripresa Robben doveva entrare al posto di uno spentissimo Raul, per dotare il Madrid di ali, lasciando El Pipita, per altro sotto tono, in campo) ma sta dando un minimo di quadratura alla squadra. Altre che gli equilibri tattici non serovo: il Madrid quando ha vinto le Coppe lo ha fatto perchè chi era in panca (penso soprattutto a Del Bosque e Heynckes) faceva una squadra razionale, senza equlibri caro madrid7 guarda che siè vinto dal 2003 in avanti... Ovvio che Heinze è improponibile come terzino, però anche la squadra c'ha messo del suo svegliandosi solo sullo 0-2 e dando spettacolo, ma tanti hanno deluso (Raul, Ramos, Gago su tutti -molto meglio Diarra o De La Red-) e quelle non sono colpe del mister.

8:11 PM  
Anonymous Anonimo said...

Da più parti sembra emergere la convinzione che il Real Madrid dovesse arrivare a Torino e seppellire di gol la squadra avversaria,però forse è il caso di considerare che questa squadra era la Juventus.
Juventus che peraltro ha vinto la partita anche giocando in modo mediocre.
Il Real non mi è dispiaciuto,anzi,ha mostrato un gioco a tratti dominante;semplicemente ci sta di poter perdere contro la Juventus,e in trasferta,per giunta.

Mister

9:50 PM  
Blogger madrid7 said...

@ Hincha Madridista
Forse sei tu che non ricordi che tipo di squadra è scesa in campo l'il 15 Maggio del 2002 contro il, Bayer Leverkusen, bene ora te lo rinfrescherò:
Cesar (Casillas) Salgado, Hierro, Helguera, Roberto Carlos, Solari, Zidane, Makelele, Figo, Raùl, Morientes.Non mi sembra che uno dei 2 terzini avesse le stesse caratteristiche di Heinze.
Poi vatti a vedere il tipo di goals che prendeva all'epoca e forse darai nuova formulazione al concetto di equilibrio.
Poi non capisco perchè dovesse tenere Higuain in campo.
è vero che Raùl ha fatto pietà, l'ho detto pure io, però è anche vero che come realizzatore è molto meglio di Higuain e visto che la Juve non passava più nemmeno la tre-quarti non vi erano problemi di gioco, per il Madrid bene nel .
L'unica cosa che importava era cercare di segnare ed in questo Raùl anche a 40 anni credo che avrà di che farsi rispettare...
E non venirmi a dire che se allargavamo il gioco con 2 ali la difesa della Juve al centro si sarebbe scoperta perchè non ci crederesti nemmeno tu, la Juve ha fatto Fort Apache nel secondo tempo e tale sarebbe rimasto.
Da una parte sono contento che Gonzalo abbia fatto esperienza, sono sicuro che questa partita gli tornerà utile in futuro, resta il fatto che secondi me non era preparato ad un confronto con una squadra che difende così diversamente dalle squadre spagnole.

1:10 PM  
Anonymous Hincha Madridista said...

Caro Madrid7 non so da quando segui il Madrid, ma sul fatto che Del Bosque fosse stato l'unico dai tempi di Capello1 a Capello2 a dare un organizzazione di gioco e equilibri alla squadra mi sembra fuori di dubbio. Ti cito solo un caso vatti a vedere la semifinale di Champions di andata col Barca del 2002, e poi sammi dire... Quello che volevo dire al di là di Heinze è che Del Bsoque sapeva come far quadrare il gioco usando sia artisti del calcio (El Moro, Raul, Zidane, Figo) che la manovalanza (Salgado, Helguera, Makelele) che non erano fenomeni -a parte l'ultimo- ma si sacrificavno equilibrando la squadra. Tra l'altro Salgado non è sempre stato sugli scudi, a me è sempre piaciuto molto però non mi sembra molto lontano da Heinze... Forse non ricordi le partite da coltello coi denti col Bayern Monaco, di fine anni 90 inizio dopo 2000, dove soprattutto in Germania, il Madrid non dava spettacolo ma si limitava a giocare per non prenderne. Ho visto quanto gli squilibri tattici con hanno fruttato dal prof Queiroz fino a Luxemburgo e Lopez Caro... Lo sanno anche i polli, se non riesci a sfondare al centro devi giocare sulle ali se hai Raul fiacco, lascia due giocatori di spinta laterali forse un cross buono per la punta centrale ci esce, o no? Poi Raul non ha alcun diritto al rispetto, se gioca male deve andar fuori è un giocatore come gli altri (pur se mio idolo dal 1995) ma se non rende va tolto (ricordo le sostituzioni a catena di Suker durante il primo governo Capello e Suker fece oltre 20 gol quell'anno...).
Chiudo dicendo che mister a ragione, a Torino con la Juve si può anche perdere.

12:42 AM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home