lunedì, marzo 10, 2008

VENTISETTESIMA GIORNATA: ALTRE PARTITE.

Mallorca-Recreativo 7-1: Arango 17’ (M); Güiza 21’ (M); Güiza 31’ (M); Borja Valero 36’ (M); Marco Ruben 39’ (R); Borja Valero 40’ (M); Arango 47’ (M); Arango 51’ (M).

Racing-Betis 3-0: Duscher 51’; Garay 59’; Tchitè 88’.

Athletic-Valladolid 2-0: Gabilondo 5’; Gabilondo 68’.

Murcia-Getafe 0-3: Pablo Hernández 56’; Albin 84’; Casquero 87’.

Osasuna-Almeria 2-1: Sola 6’ (O); Corona 19’ (A); Cruchaga 29’ (O).

Sevilla-Levante 2-1: Riga 3’ (L); Keita 27’ (S); Luis Fabiano 48’ (S).

Qualcuno temeva che il Mallorca re dei pareggi (13 in questo campionato) non sapesse più vincere... chiedetelo al Recre, imbarazzante ieri nella sua difesa e travolto dal festino di Güiza, Arango, Borja Valero ma anche di un devastante Ibagaza. Da notare il dato che il Mallorca ha pure smesso di segnare solo al 51'...
Vola in un' altra dimensione il Racing delle Meraviglie, da ieri salvo matematicamente e addirittura in piena zona Champions. Noioso ripetersi, posso solo rimandare chi fosse interessato al post di approfondimento che scrissi a dicembre scorso.
Il Getafe giocando al risparmio passeggia sul cadavere del Murcia, nemmeno rivitalizzato da Clemente (simpatico però in conferenza stampa); continua invece a lottare il Levante, che mette i brividi a un Sevilla ancora sotto-shock e fischiato dai tifosi per la prestazione deludente (però i tre punti sono immensamente importanti, guardate un po' la classifica).
Archiviato il tristissimo episodio del minuto di silenzio abortito e parlando di calcio, la partita del San Mamés vede un Valladolid che si prende i complimenti della critica e un Athletic che si "accontenta" invece dei tre punti, frutto della doppietta del soldato semplice Gabilondo (doppio assist di Llorente, bellissimo il primo, il secondo se lo "mangia" Asenjo), che ogni tanto ha di questi exploit.
Sfortunato l' Almeria al Reyno de Navarra, pare meritasse il pareggio, comunque era un calo prevedibile quello delle ultime giornate per gli uomini di Emery. L' Osasuna comincia a uscire dalle secche e a tornare alle posizioni che gli spettano, fruttuoso l' innesto di Kike Sola, giocatore che ha aggiunto profondità e velocità rispetto al pur non malvagio Dady, rendendo molto pericoloso il contropiede osasunista, con lui e il trio di mezzepunte Juanfran-Plasil-Vela.


CLASSIFICA
1 R. Madrid 62
2 Barcelona 54
3 Villarreal 50
4 Atlético 44
5 Racing 44
6 Sevilla 42
7 Espanyol 42
8 Almería 37
9 Valencia 36
10 Getafe 36
11 Mallorca 34
12 Osasuna 33
13 Athletic 33
14 Zaragoza 32
15 Betis 32
16 Deportivo 31
17 Valladolid 31
18 Recreativo 29
19 Murcia 23
20 Levante 19

CLASSIFICA MARCATORI
Luis Fabiano (Sevilla) 20 (2 rig.)
Diego Milito (Zaragoza) 15 (5 rig.)
Güiza (Mallorca) 14
Raúl (R.Madrid) 13 (3 rig.)
Llorente (Valladolid) 13

Etichette:

37 Comments:

Blogger Kerzhakov 91 said...

Ciao Vale, come ti spieghi questo tracollo del Recre, formazione che aveva ottenuto buoni risultati ultimamente? Dando già per spacciate Levante (o Levaté, per dirla alla Caressa...) e Murcia, qual è secondo te l'altra squadra con più probabilità di accompagnarle in Segunda?

PS: mi sono dimenticato di dirti che ieri c'era la Supercoppa di Russia, in diretta alle 14:00 sul solito canale: per la cronaca, ha vinto 2-1 lo Zenit contro la Lokomotiv ( http://calciorusso.blogspot.com/2008/03/lo-zenit-si-aggiudica-la-supercoppa.html ), con vantaggio comico di Arshavin.

3:33 PM  
Blogger valentino tola said...

No, Caressa no!
La partita di ieri del Recre non l' ho vista, quindi non mi posso esprimere, comunque partite così possono capitare. Facendo un discorso globale, è una delle squadre destinate a soffrire di più, anzi probabilmente la maggiore indiziata per la terza piazza, quindi non sorprende più di tanto la sua posizione.
E' una squadra dignitosa, discretamente organizzata, ma ha poche frecce al suo arco, specie in attacco, e così è difficile (avere un Edu e un Pavone in bassa classifica può fare la differenza, tanto per intenderci).

PS: Cavoli, l' avrei guardata! Comunque il prossimo week-end comincia il campionato, vero?

8:28 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Sì, inizia venerdì con Terek-Krylya Sovetov, sul blog scriverò tutti gli orari ;)
Domenica alle 14:00 sul solito canale si partirà subito fortissimo con il big match tra Zenit e Spartak, le prime due della classe della scorsa stagione (anche se arriveranno entrambe con gravi assenze, sopratutto i campioni di Russia, senza difensori e gran parte del centrocampo).

E' stata una frizzante partita, anche se purtroppo passerà alla storia per il grottesco errore di Levenets, nuovo numero uno della Loko (c'è il rischio che ritornino a schierare Pelizzoli :D).

PS: vai tranquillo, Caressa non lo sopporto neanch'io (come telocronista ancora ancora, ma come conduttore di Mondo Gol è osceno, rovina il programma che DOVREBBE essere il pezzo forte di SKY; meno male che almeno oggi al suo fianco c'era il bravo Trevisani e non il suo compagno di merende De Grandis), volevo provocarti...

9:38 PM  
Blogger valentino tola said...

Grande Kerzha, il tuo blog funziona anche come bollettino tipo Gazzetta Ufficiale :-)

Non mancherò Zenit-Spartak, tra l' altro è un orario ideale, a debita distanza dalle partite di Liga, perchè a vedere più partite di seguito rischio di fondermi (faccio un' ovvia eccezione per i vari Mondiali o Europei).

Sì, come telecronista è meno peggio, anche se non amo quello stile urlato, tutti quei soprannomi da fumetti e le frasi tipo tè caldo... bellissimo in Inter-Cska sul 2-0 di Vagner Love, c'era Cordoba che stava recuperando in velocità e lui che partiva già col soprannome "Comeet..." però Vagner Love l' ha freddato!
I miei telecronisti preferiti di Sky sono Marianella e Gentile, anche se il migliore di tutti per me resta il Callegari che faceva le partite sudamericane su Sportitalia, veramente bravissimo per ritmo, stile, competenza e pathos, senza mai esagerare in urlacci e senza sfoderare iperboli ogni due secondi... l' unico neo secondo me era che ogni tanto gli usciva l' espressione "gran biglia".

9:55 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Mamma mia, non ricordarmi i primi 30' di Inter-CSKA, tra i più belli ed intensi che abbia mai vissuto, stavo godendo come poche altre volte, e le esagerazioni (mandai diversi sms dopo lo 0-2 di Vagner Love) le pagai a caro prezzo...

Oltre a Marianella (troppo lento però...) e Gentile, mi piacciono molto anche i telecronisti più giovani - che mi sembrano avere un'ottima conoscenza del calcio estero, tipo il già citato Trevisani (che ha il difetto di elogiare eccessivamente i grandi campioni), Nicolodi e soprattutto Cattaneo; inoltre non mi dispiacciono Compagnoni e Pardo, anche se clamorosamente "di parte".

10:45 PM  
Blogger valentino tola said...

Eh, mai fare i gradassi prima del novantesimo...

A me piacciono proprio le pause di Marianella, credo si ispiri proprio allo stile dei telecronisti inglesi, poi quando finge di tifare per le italiane nelle partite contro l' Arsenal è meraviglioso (purtroppo un solo caso finora, Juve-Arsenal di due anni fa).
Nicolodi sì e aggiungerei anche Zancan, mi sembra competente, Cattaneo non mi fa impazzire, a volte vuole fare un po' il fenomeno e tende anche a commettere qualche errore di troppo, almeno quando fa la Liga. Con Trevisani spesso non sono d' accordo nei giudizi, Pardo è bravo ma urla come un teppista, Compagnoni non mi è simpaticissimo.
Sarò strano, ma sono un nostalgico di Pizzul e dei suoi "serata uggiosa", "terreno gibboso", "fiero cipiglio" (anche se al Mondiale 2002 era decisamente andato, chiamava il Camerun "Nigeria" e la Nigeria "Senegal", poi Lauren sempre del Camerun lo chiamava Laursen)... chi le dice più queste cose?

11:15 PM  
Anonymous alec said...

Per due anni di fila Cattaneo ha chiamato "Pierre Farfàn" il peruviano del Psv Jefferson, confondendolo con l'ex Psg e Rangers Pierre-Fanfan, che oltretutto ha un cognome diverso. E stiamo parlando di partite di Champions League, non di Coppa di Svizzera (non sarebbe giustificato nemmeno in questo caso comunque, se uno sa far bene il proprio mestiere...)

8:59 AM  
Blogger Flavio said...

Ciao Valentino,
perdona l'OT ma non saprei dove parlarne; che ne pensi della definitiva maturazione di Torres sotto la guida di Benitez? Non so perchè ma ci avrei scommesso qualcosa :). Sabato ha fatto un goal pazzesco, una finta che avevo visto fare solo a Pelè (che però tirò fuori).
Ciao!

1:41 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Alec
Come no, ricordo "Pierre Farfan"...

@ Flavio
Sì, stupendo il gol, pure a me è venuta alla mente la giocata di Pelè con l' Uruguay a Mexico '70, anche se la giocata di Pelé era decisamente più difficile e geniale, il pallone arrivava più veloce.
La scorsa estate avevo benedetto il trasferimento di Torres, utile sia all' Atlético (per il ritorno economico) che al giocatore, che aveva bisogno di cambiare aria per verificare con maggior certezza il suo valore senza appiattirsi nella dimensione di idolo di casa (tipo Joaquin al Betis).
Era prevedibile un buon rendimento di Torres, per la squadra in cui andava a giocare e per il gioco della Premier, veloce e adatto alle sue caratteristiche. Non posso comunque esprimere un giudizio dettagliato, perchè non ho visto così tanto il Liverpool.
Posso dire che Torres gli anni scorsi, pur apprezzandone l' evidente valore, mi aveva sempre lasciato qualche perplessità, per l' eccessiva frenesia che lo penalizzava al momento di controllare il pallone o finalizzare la giocata (solitamente si dice che è un giocatore molto tecnico, ma per me può migliorare il primo controllo: in questo senso preferisco Villa, secondo me il miglior attaccante spagnolo, meno potente e veloce nell' allungo ma più abile nello stretto, più freddo e capace anche di rallentare al momento opportuno). All' Atlético mi ha sempre dato l' impressione di essere più un fantastico apriscatole (ricordate Boksic?) che un vero e proprio killer, un attaccante che deve giocare senza la pressione del gol a tutti i costi. Ma è probabile che l' orripilante gioco dell' Atlético lo obbligasse a sforzi eccessivi (veniva sempre a prendere palla a centrocampo, sennò col cavolo che gli arrivava) con conseguente perdità di lucidità. Probabilmente al Liverpool gli sforzi sono meglio distribuiti all' inetrno dell' 11, e lui può concentrarsi maggiormente e brillare pure come finalizzatore, anche se a mio avviso non è un giocatore particolarmente freddo nell' uno contro uno col portiere.

3:27 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Cattaneo è l'unico (forse insieme a Nicolodi) che è stato in grado di non commettere errori o dire banalità durante una partita di Champions con una squadra russa protagonista: mi pare che fosse Bayern-Spartak dell'anno scorso, dimostrò di conoscere perlomeno i calciatori moscoviti, certamente meglio di un Caressa che si inventa di sana pianta le cose (ad esempio che Zhirkov è chiamato "il Ronaldinho russo", oppure nell'Inter-Spartak 2-1 si inventò addirittura un giocatore che a suo dire aveva giocato - e continuava a farlo, nello Spartak, un delirio!).

Hai ragione su Zancan, mi ero dimenticato di lui.
Sono molto affezionato a Pizzul, anche se lo ricordo principalmente per i Mondiali del 2002, nei quali non ne azzeccò una, o quasi. Di quelli della Rai l'unico competente è Bizzotto, anche se come telecronista non mi fa impazzire; sugli altri meglio stendere un velo pietoso (lo dico perchè dovremo sorbirceli per un intero Europeo...).


Tornando a Torres, per me è sempre stato un attaccante straordinario, rispetto al passato le differenze sono due:
1) gioca in una squadra di primissimo livello;
2) ha iniziato a segnare con regolarità (grazie anche al fatto appunto di giocare in una squadra molto più competitiva e forte).

3:29 PM  
Anonymous Manuel said...

Ciao valentino,che stagione strana,vero?

Povero Recre,che legnata.
Il barca poi,non me l'aspettavo che si condannasse così,ormai diventa difficile la rincorsa,considerando che il real non ha impegni extra,la vedo mooolto difficile.
ottima stagione del villareal,ormai la qualificazione in champions dovrebbe essere quasi fatta,poi ci sono almeno 4 squadre per il quarto posto,tu chi vedi favorito?
Io propenderei per il siviglia,ma mi pare quella più in difficoltà,l'espanyol senza tamudo perde tantissimo,il racing finora è la sorpresa del campionato,però penso che gli manchi qualcosa per qualificarsi e disputare la champions,l'atletico come valori tecnici è la più vicina al siviglia,però il centrocampo continua a non convincermi.
Contento per il successo del getafe invece,altra bella realtà di questa stagione,peccato per la cessione dell'ottimo verpakovskis l'anno scorso...

Ps.
Ho escluso il valencia più per questioni logiche che di classifica,rientrare nel gruppo non sarebbe proibitivo,però la situazione della squadra,del gioco e specialmente del calendario escluderebbero miracoli,anzi,le prossime gare che l'aspettano (siviglia il 16,ritorno in coppa col barca il 20 e real il 23) potrebbero persino escluderla definitivamente anche da un approdo in uefa,forse ormai la strada più breve e accessibile passa per la coppa di spagna...

Ciao,
Manuel.

4:52 PM  
Blogger Antonio Giusto said...

Per quanto riguarda i telecronisti di Sky, inizio col ricordare ad Alberto-Kerzha che Nicolodi (col quale ho avuto l'occasione di scambiare qualche battuta online) non dice banalità sul calcio russo perché, oltre ad essere un ottimo telecronista, è anche un appassionato della tua tanto amata Премьер-Лига. Oltre a lui, tra i telecronisti di Sky mi sento di promuovere a pieni voti anche Riccardo Gentile, l'unico per cui rinuncio a Scarpini durante le partite dell'Inter. Poi ascolto volentieri molti dei telecronisti spesso relegati a commentare le partite a "Diretta Gol", cosa che Caressa (a cui do un 6 pieno, nulla di più) non farebbe per nulla al mondo, almeno a giudicare dal tono di voce che aveva nella sua ultima apparizione a Diretta Gol.
Poi mi piacciono anche Trevisani ed ascolto volentieri Giammarioli e Zancan. Ultimamente invece non reggo più i "RETE! RETE!" di Compagnoni e il tifo sfegatato per l'Arsenal da parte di Marianella, che resta comunque un grandissimo conoscitore del calcio inglese.

Ho letto nell'ultimo commento di Manuel che lui vede il Valencia in lotta al massimo per la Uefa. La Uefa, però, è più distante della salvezza per gli uomini di Koeman, che farebbero bene a non cercare rimonte impossibili ed accontentarsi di una salvezza tranquilla.

8:08 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Sìsì, forse mi sono spiegato male io, Cattaneo e Nicolodi sono gli unici che hanno fatto una telecronaca come si deve con una squadra russa (lo Spartak Mosca l'anno scorso, in entrambe le occasioni) protagonista. Non sapevo che fosse un appassionato, questo mi fa molto piacere :D

PS: Antonio, ti posso chiedere dove hai avuto occasione di scambiare qualche opinione online con Nicolodi?

9:38 PM  
Anonymous Anonimo said...

anche io voto Gentile e Nicolodi, oltre al british Marianella;

ps. Cuper è stato ingaggiato dal Parma; secondo me gli emiliani non hanno una rosa adatta al vecchio Hector, tutti attaccanti simili, poco veloci (Corradi, Lucarelli e Budan).
Staremo a vedere

markovic

9:54 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Manuel
Stagione strana sì, e deludente, perchè le due squadre in testa stanno offrendo un livello relativamente piuttosto basso rispetto ai loro canoni storici.
Il Barça mi indigna (e qui non c'entra nulla il tifo) per il pochissimo che sta esprimendo in rapporto alle potenzialità, e per questa sua irritante apatia, il Real credo stia esprimendo il massimo possibile, perchè in assoluto non ha una squadra formidabile.

Per il quarto posto punto con molta decisione sul Sevilla: l' Atlético non ha gioco ed è troppo fragile, il Racing probabilmente non riesce ad arrivare a tanto, l' Espanyol mi sembra abbia un più chiaro profilo da Uefa.

Sul Valencia: in caso di vittoria domenica (e giocnado tutti i 90 come i primi 30) l' avrei data subito dietro al Sevilla come chances, ma evidentemente è lontano dalla guarigione.

@ Antonio
Riccardo Gentile mi piace molto, ha due pregi importantissimi: l' umiltà (confrontalo con Caressa, che da dopo il Mondiale è pure peggiorato, bisognerebbe spiegargli che non è stato lui a vincerli ma i giocatori...) e il fatto che cerchi sempre di informarsi sugli eventi che commenta, questo si nota ed è la cosa fondamentale.
L' urlo RETE! RETE! è inascoltabile, sembra un cantante Death Metal. Marianella è un gunner sfegatato, però mi sembra si mantenga tutto sommato equilibrato nei giudizi durante le partite.

10:40 PM  
Blogger Flavio said...

Concordo su Caressa, dai mondiali in poi è diventato insopportabile, a inizio carriera era molto meglio, dava più ritmo alla telecronaca e considerazioni tecniche mai banali.
Ormai è diventato un brand, infatti pare di sentire le telecronache di FIFA (il videogioco):) Bergomi, poi, oltre che mai brillante, quando si ritrova a commentare l'Inter diventa di una faziosità imbarazzante.

p.s.: nota su Inter - Liverpool: ma quant'è forte Mascherano?!

1:10 AM  
Blogger valentino tola said...

No, mi spiace Flavio, di Mascherano non posso parlare, sarei troppo di parte.

10:48 AM  
Anonymous Anonimo said...

ammazza quanto corre Kuyt, sempre in pressing, su tutto il fronte d'attacco, non si ferma mai;
perde lucidità in area ma per una squadra che vuole pressare secondo me è un attaccante/ala fondamentale

markovic

11:47 AM  
Blogger Flavio said...

Eh sì, Valentino, ricordo la tua predilizione per questo giocatore, infatti ti stavo stuzzicando :)
Sta di fatto che, andata e ritorno, due prestezioni MONSTRE, così come nella finale contro il Milan.

Come interditore nettamente il migliore al mondo attualmente, ho visto lui e solo lui toglier la palla dai piedi di Zanetti; tatticamente unico, migliorasse anche nella profondità delle giocate (lanci e aperture) sarebbe totale, mentre per ora si limita a ridistribuire i palloni che recupera (con rara precisione, c'è da dire). Comunque, giocargli contro dev'essere un incubo :)

Ciao!

11:55 AM  
Anonymous alec said...

Da tifoso Reds di vecchia data non ho mai mancato di esprimere le mie perplessità su Mascherano, che le ha però fugate con due incontri di grandissimo spessore (ma anche in Premier il suo rendimento è notevolmente migliorato, e adesso è chiaro perchè Sissoko era diventato inutile...). Rimane a mio parere un giocatore proiettato quasi esclusivamente alla fase di "distruzione" dell'azione (consentitemi il termine), però lo fa nel miglior modo possibile, e con grande intelligenza tattica, qualità quest'ultima evidentemente sconosciuta a molti giocatori dell'Inter.

Di Kuijt non posso parlare perchè è uno dei miei giocatori favoriti in assoluto e mancherei di obiettività, mentre gli unici due Reds che non mi hanno convinto sono stati Skrtel e Babel; ingenuo il primo (si vede che è appena arrivato), troppo discontinuo il secondo. Uno con le sue potenzialità ieri avrebbe dovuto fare a pezzi la rimaneggiata linea difensiva nerazzurra, e invece ha prodotto solo qualche fiammata.

Ultimo commento sui due tecnici: Rafa vs Mancio, tatticamente non c'è proprio stata partita.

12:41 PM  
Blogger valentino tola said...

L' errore su Mascherano è stato proprio quello di considerarlo un regista, come spesso lo hanno dipinto le cronache: in base a questa premessa è chiaro che possa sembrare un giocatore sopravvalutato.
Io l' ho sempre visto come un centrocampista esclusivamente difensivo, uno specialista, e d' altronde non c'è niente di male ad essere degli specialisti (personalmente considero Mauro Silva uno dei più grandi giocatori degli ultimi 15 anni) quando si gioca su questi livelli.
Il ragazzo ha un senso tattico disumano(da me visto solo nel citato Mauro Silva), io amo ripetere che sembra abbia un radar incorporato. E ha anche personalità da vendere, non è un caso che sia quasi sempre fra i migliori in queste partite, le due con l' Inter ma anche la finale e la semifinale di ritorno dell' anno scorso. Va detto poi che, pur essendo decisamente banale nell' impostazione, difficilmente perde palla, gioca sempre con molta calma e criterio.
Aggiungo che forse "peserebbe" ancora di più in una squadra più offensiva, con molte punte o trequartisti da sopportare (tipo il Barça, se ne era parlato, però pare abbia già preso Poulsen per la prossima stagione, che va comunque benissimo).

Kuijt (Alec, qual è la pronuncia?) si inserisce perfettamente nella tradizione del calcio totale, è il classico giocatore che cerca sempre la cosa più utile al collettivo e che si sa muovere in più zone del campo. Straordinario nel muoversi senza palla.
Al Feyenoord, pur partendo sia chiaro da ruoli e da qualità diversissime, era un po' quello che Gerrard è per il Liverpool, lo trovavi dappertutto, per tutti i 90minuti, con un' intensità notevole. Con la maglia dei Reds è inevitabilmente un gregario, però di lusso.

Se guardavamo bene probabilmente a Skrtel scendeva anche qualche lacrimuccia durante l' inno della Champions... mi aspettavo questo tipo di partita da Babel francamente: ho molta moltissima stima per il suo talento, ma forse non ha ancora la mentalità migliore per questo tipo di partite (discorso simile per Lucas, mi sembra debbe acquisire ancora esperienza). Io pensavo poi che Rafa (sempre IL MIGLIORE) gli preferisse Riise dall' inizio per avere più contenimento su Maicon.

Sissoko per me è un po' inutile di suo: lo trovo tremendamente sopravvalutato, piedi mediocri e capacità tattiche risibili.

2:33 PM  
Anonymous cespo said...

personalmente io non ho mai considerato mancio un grande allenatore, mentre ripeto per la terza volta in questi commenti non parlo di don rafa, non sarei obbiettivo. con carragher sulla destra e dando fiducia (cojones, direi) a skrtel ha dato fisico alla linea di difesa che ha retto abbastanza contro i famosi 385 centimetri e 160 kili dell'inter. Mascherano impressionante, il NiNo è il NiNo, anche qui il mio giocatore preferito ha dimostrato di essere pronto per entrare nella cerchia dei 5 migliori del mondo.

caressa.. ormai è più di un telecronista e bisogna prenderlo così, a me non dispiace perchè da colore, ovvio se volessi un commento solo tecnico non sceglierei lui. Bergomi è imbarazzante, non mi piace, commentatore banale e come già detto, di fronte all'inter si comporta come un capo ultrà. ieri sembrava che il liverpool fosse e giocasse di merda, gerrard lo ha messo in croce sempre.

Io lo dico qui, scudetto alla roma. se vince queste due prossime partite, vince lo scudetto.

2:44 PM  
Anonymous alec said...

La mia ex pronunciava Kuijt "Kaet", fondendo la "a" e la "e".

Anch'io concordo con il tuo giudizio poco entusiasta su Sissoko. Con un fisico come il suo a 19 anni sei una promessa, a 23 uno dei tanti, se non abbini una tecnica quantomeno discreta.

3:29 PM  
Anonymous Anonimo said...

Mascherano è uno dei primi 3 centrocampisti difensivi al mondo (secondo , per me):
De Rossi primo
Cambiasso-Poulsen- Gattuso per il terzo posto.
ha un taclke micidiale e senso tattico incredibile.
Ha tuttosommato anche un gran controllo palla e un gran lancio cambio gioco, gli manca la verticalizzazione questo si, ma se c'è l'avesse saremmo davanti al miglior centrocmapista degli ultimi 20 anni...

Cmq secondo me è stato un azzardo Skertel , era visibilmente provato e infatti il Liverpool ha avuto molta fortuna in 3-4 occasioni centrali palla a terra per l'Inter che non ha segnato per pura sfortuna sennnò riapriva la partita (e l'avrebbe meritato)..

Santeria

5:54 PM  
Blogger Antonio Giusto said...

Quanti argomenti su cui mettere bocca... vado con ordine:

1. Kerzha, Nicolodi è iscritto a MBL.com - dove lo abbiamo sottoposto ad un'intervista simile a quella fatta a Marianella nel primo numero di Mister Football -, lì ho scambiato qualche battuta con lui e qualcun'altra via mail.

2. Cuper al Parma non lo vedo bene: agli emiliani mancano gli esterni con cui Cuper è fissato, c'è il rischio di vedere adattati sulle fasce Gasbarroni/Dessena e Morfeo/Pisanu fino a fine stagione.

3. Do totale ragione a Flavio: Caressa, in Fifa08, parla esattamente come avviene nella realtà, a differenza dello Zio, che nel videogioco ripete sempre le solite quattro frasi.

4. Ho letto il nome Mascherano seguito da tante, tante buone parole. Mi fa davvero piacere, visto che non posso non considerarmi un suo fan. Certo, se imparasse a segnare (due-gol-due segnati in carriera in partite ufficiali, entrambi con la Selección argentina )...

5. Su Mancini, ritenuto inferiore (eufemismo) a Benitez, non ho nulla da dire: il non-gioco dell'Inter "ammirato" contro il Liverpool è stato terrificante, come è terrificante il fatto che la squadra che domina in Italia da due anni non sia in grado di far strada in Champions.

6. Cespo, la Roma battendo Lazio e Milan, nel caso in cui l'Inter facesse sei punti contro contro Palermo e Genoa (tutt'altro che improbabile), manterrebbe invariato il distacco, nulla di più.

7. Tornando al Bergomi commentatore tecnico, nella mia personale classifica lo metto alle spalle del solo Marchegiani, che ogni tanto incespica con le parole, ma per me resta comunque la miglior spalla di Sky, vista anche la scarsa concorrenza.

8:54 PM  
Blogger valentino tola said...

In realtà non è facilissima una comaparazione fra i giocatori che hai nominato: Mascherano è un centrocampista di posizione davanti alla difesa, Gattuso è un cursore (lo si può comparare più con Essien, per fare un esempio). Anche Cambiasso, pur partendo davanti alla difesa nell' Inter, mi sembra più una mezzala, infatti nell' Argentina è perfettamente complementare con Mascherano.
Ormai ci son talmente tante tipologie di centrocampisti centrali che io farei una fatica tremenda a stilare una lista dei migliori, a differenza di altri ruoli. Comunque sono ovviamente d' accordo su De Rossi, il più completo di tutti (però sul piano strettamente difensivo Mascherano è il migliore secondo me).

9:48 PM  
Anonymous Anonimo said...

certo, De Rossi ha un senso del gol molto superiore a Mascherano, tra colpi di testa sui calci piazzati e tiri da fuori area; l'argentino è più forte sul piano strettamente difensivo (falli tattici, tackle, ecc).

Su Mancini allenatore ho un giudizio "difficile" visto che le potenzialità dell'Inter sono discutibili. Qui in Italia tutti a dire che l'organico dei nerazzurri è stratosferico, ma OGGETTIVAMENTE non è cosi.
Ad esempio, io, dell'Inter metterei come titolari nel Liverpool i soli Maicon (spostando Carragher al centro), Cambiasso in mediana al posto di Lucas e (forse) Ibrahimovic in attacco. 2, al massimo 3 su 11.
Voi?

markovic

1:49 AM  
Anonymous Anonimo said...

Sono d'accordo con Markovic.
per quanto mi riguarda l'organico dell'Inter è sopravalutato.
cioè mi spiego meglio : è estremamente completo e "profondo" ma qualitivamente non è così superiore..
ai tuoi nomi però aggiungo :
Julio Cesar . ragazzi questo è un FENOMENO. nei primi 3 al mondo con Buffon e San Iker.
Chivu. Avere un centrale che esce così dalla difesa è uno spettacolo.

ma per il resto anche a centrocampo: Zanetti gran capitano ottimo in fase difensiva ma oggettivamente fuori dai primi 15-20 centrocampisti al mondo, Stankovic buone qualità in tutto ma non eccelse in nulla e 0 personalità, Viera è lontano parente del fenomeno che guardava tutti dall'alto al basso..
rimane solo il mitico Cambiasso..


- Ritengo De Rossi superiore a Mascherano (di poco, stiamo parlando di 2 DIGHE) anche solo nella fase difensiva (in quella offensiva non c'è paragone) perchè quel poco che perde in tackle lo guuadagna in gioco aereo (immensamente più forte del piccolo argentino) e in senso tattico (anche se si equilibrano , quasi) nel venire a fare il difensore in area nei cross quando esce un terzino a chiudere....

forza Viola, grande impresa

Santeria

(vale pensavo di scriverti un e-mail per aggiornarti su un progetto che ho in mente..)
ciao

9:58 AM  
Blogger valentino tola said...

La mia selezione Inter-Liverpool:

Reina o Julio Cesar (fa lo stesso); Maicon, Carragher, Chivu, Maxwell; Gerrard, Mascherano, Cambiasso, Stankovic (disponeteli come vi pare, in linea o a rombo); Torres, Ibrahimovic.
Non sono un esperto del nostro calcio e dell' Inter, non so se in assoluto sia sopravvalutata la rosa, ma credo sia migliore sulla carta rispetto a quella del Liverpool. La differenza vera sta in panchina.

A Benitez non dispiacerebbe affatto avere un paio dei giocatori dell' Inter, su tutti Cambiasso che è nettamente il miglior nerazzurro.

Non ho visto la partita d' andata, però in quella di ieri la Fiorentina se l' è scampata bella, poteva essere un massacro, l' Everton (grandissima partita, nel più classico stile britannico) poteva farne tranquillamente 3 o 4 in più.

P.S.: per chiunque voglia scrivermi, ho aggiunto l' indirizzo e-mail nel profilo personale.
Comunque lascio qui:
tola.valentino@tiscali.it

11:48 AM  
Anonymous Anonimo said...

l'Inter ha una rosa ampia, ma lasciando stare i giocatori out nella partita col Liverpool (Samuel, Materazzi e Cordoba) io credo che alcuni giocatori siano sopravvalutati come Jimenez, Suazo e lo stesso Ibrahimovic che da settembre ha fatto 2 gol (dico DUE) soltanto su azione in campionato; altri bolliti o quasi (Vieira, Figo e metto anche Crespo); altri ancora eterni incompiuti sempre infortunati o a mezzo servizio nei momenti che contano, tipo Chivu e Stankovic;

secondo me, ripeto, Benitez di questa Inter farebbe giocare titolare nei "reds" i soli Cambiasso e Maicon; con Ibra Chivu e Maxwell seconde scelte.

markovic

ps su Everton-Fiorentina: se Jagielka è un rigorista io ho il sinistro di Roberto Carlos

3:25 PM  
Blogger Kerzhakov 91 said...

Vale, due righe sull'argentino Guillermo Pereyra, centrocampista del Mallorca passato ieri alla Lokomotiv.

3:26 PM  
Blogger cespo said...

allora, facile adesso prendersela con l'inter che è arrivata distrutta e contro la squadra tra le più difficili da affrontare in europa e in gran forma. A inizio campionato la rosa dell'inter era definita quasi alla pari con quella del barca, ha due uomini per ruolo. Il Milan come terzo centrale ha Bonera, l'Inter Chivu, quarto Samuel, quinto Tyson Rivas.
lo stesso Arsenal, Real, hanno rose meno ampie (va beh e costrutita malissimo la seconda).
Arrivare alla sfida decisiva con 3/4 della difesa fuori, il centrocampo incerottatissimo (ragazzi vieira è una vergogna, ma stankovic era l'ombra di quello che è in verità, anche se come dice qualcuno, è l'uomo con l'acciacco più lungo della storia).
Il problema non è la rosa sopravvalutata, secondo me, è a livello di testosterone. E qui centra anche e soprattutto l'allenatore. Poi gestione cambi, secondo me punitivi, giusto per non prendersi le proprie responsabilità.
Comunque ibra sta fallendo sempre gli appuntamenti importanti, messi è più rotto che in campo, cristiano ronaldo aspettiamolo al varco.. che non sia già l'anno di cesc per il pallone d'oro????

3:52 PM  
Blogger Flavio said...

"Comunque ibra sta fallendo sempre gli appuntamenti importanti, messi è più rotto che in campo, cristiano ronaldo aspettiamolo al varco.. che non sia già l'anno di cesc per il pallone d'oro????"

Perchè no? Se la Spagna vincesse gli europei...anche se, con un Torres eventuale cannoniere vedrei lui favorito (si sa, gli attaccanti esercitano sempre più fascino sui giurati).
Continuando questo lungo OT di calcio internazionale: ieri mi ha impressionato molto Arteta e non è la prima volta, l'ho sempre trovato molto sottovalutato. Pensate possa essere convocato agli Europei?
Ciao!

6:20 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Markovic
Anche se l'ho inserito nella formazione, son d' accordo sulla sopravvalutazione di Ibra a livello internazionale.

@ Kerzhakov
Mi hai anticipato, pensavo di venire a commentare sul tuo blog.
Comunque, Guillermo Pereyra ha un ruolo simile proprio a quello di Mascherano: centrocampista davanti alla difesa, raramente oltrepassa la metacampo (solo sui calci piazzati, ha una buona scelta di tempo quando stacca nell' area avversaria), si vede pochissimo, ma tatticamente è prezioso, dà equilibrio.
Titolare pressochè fisso negli ultimi anni al Mallorca, difficile da sostituire (Basinas ha più caratteristiche di costruttore, Borja Valero e Ibagaza son decisamente offensivi: probabile venga adattato Scaloni a centrale di centrocampo, come primo rincalzo per Basinas), però il presidente del Mallorca ha affermato che era difficile per il giocatore resistere all' offerta della Loko (Pereyra ha 28 anni, è una grande opportunità economica per lui) e che al Mallorca facevano comodo i 3 milioni sganciati dai russi. La squadra delle Baleari è tutt' altro che ricca, e i suoi pezzi li cede con una certa facilità, nemmeno tirando troppo sul prezzo (vedi Jankovic l' ultima estate).
Comunque, se supera l' ambientamento alla realtà russa, Peryra può diventare un giocatore affidabile per le sue capacità tattiche.

@ cespo
Sono più o meno d' acoordo con le tue considerazioni. Poi credo che ci siano meno colpe rispetto all' anno scorso col Valencia, anche se il fallimento resta chiaro.

Cesc penso abbia ancora tempo per bruciarsi con l' ennesimo fallimento della Spagna in una competizione internazionale, io al momento quoto Cristiano Ronaldo.
Il rammarico è che se Messi avesse potuto giocare di più, molto probabilmente un Pallone d' Oro lo avrebbe già vinto.

6:27 PM  
Blogger valentino tola said...

@ Flavio
Arteta è un ottimo giocatore, però sinceramente non lo vedo fra i 23. Di ruolo sarebbe una mezzala, e lì c'è una concorrenza paurosa. Se schierato sulla destra come all' Everton, invece penso che servirebbe meno di esterni di ruolo tipo Joaquin, in grado di dare quellla profondità e quell' ampiezza che i terzini della Spagna faticano a garantire.

12:15 AM  
Anonymous cespo said...

sorteggi fortunato per il tuo barça, eh? almeno in semifinale ci va, poi vedere se becca roma o manchester, anche se credo che ci siano poche storie, i ragazzi di ferguson sono più forti.
Bello il derby liverpool arsenal, con i miei 5 euro puntati su gerrard e compagni. Insomma, io dico finale liverpool manchester, con il solo messi a farmi cambiare pronostico...

1:51 PM  
Blogger valentino tola said...

Il Manchester probabilmente è la squadra europea più forte in assoluto, però ti dico che delle inglesi è forse quella che meglio si adatta al Barça (sempre che Roma e Schalke siano d' accordo): non la vedo come una squadra blindata (una squadra cioè in grado di accentuare la lentezza e staticità dle gioco del Barça chiudendosi tutta dietro) e ritengo vada anche un po' in sofferenza quando trova squadre che fanno girare il pallone. Detto questo, ove il Barça giocasse con l' "intensità" e l' "ordine" in fase di non possesso delle partite con Villarreal e Atlético e di troppe altre in questa stagione, per CRonaldo e soci si prospetterebbe un lauto banchetto.

P.S.: In Uefa Bayern-Getafe... nulla da perdere, almeno potrò vedermi il Geta su Sportitalia.

3:24 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home